domenica 20 aprile 2014

Georgia University: evitate il sale nei primi 2 anni di vita....poi è difficile 'uscirne'..

CIBI CHE CONTENGONO MOLTO SODIO MINACCIANO SALUTE E LINEA
Troppo sale «gonfia» e fa ingrassare
Gli esperti dicono da tempo che non andrebbe aggiunto sale alle preparazioni, almeno nei primi due anni di vita, per non condizionare il gusto dei bimbi


Il sale può favorire l’obesità? Sembrerebbe proprio di sì, stando a quanto dice una recente ricerca, pubblicata su Pediatrics, e condotta alla Georgia Regents University di Augusta (USA). I ricercatori hanno valutato, in 766 adolescenti, i consumi di sodio, la composizione corporea, il grasso sottocutaneo e viscerale, i livelli ematici di marcatori dell’obesità e dell’infiammazione. Elevati apporti di sodio sono risultati associati con l’adiposità e con la presenza nel sangue di una citochina secreta dalle cellule immunitarie che contribuisce all’infiammazione cronica, indipendentemente dagli apporti calorici. I ricercatori ipotizzano che l’associazione fra sodio e obesità, già osservata in altri studi, ma sinora attribuita solo al fatto che più si mangia ( e per questo si ingrassa), più sale si consuma, possa invece essere dovuta proprio anche al sodio.

Insomma, un eccesso di sale non solo può favorire la ritenzione idrica (come già sappiamo), ma potrebbe facilitare anche l’accumulo di grasso. «Noi tutti consumiamo molto più sale di quanto ne serve - commenta Andrea Vania, professore di Pediatria e responsabile del Centro di dietologia e nutrizione pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma - e questo favorisce, come dice lo studio, l’insorgere di obesità, con relativa componente infiammatoria, ma anche di ipertensione e processi aterosclerotici. Tutte le principali organizzazioni che si occupano di salute e alimentazione ribadiscono da tempo l’opportunità di non aggiungere sale ai cibi almeno nei primi due anni di vita, per non abituare i bambini a una dieta troppo salata (che è cosa diversa da sapida), dal momento che tale abitudine una volta acquisita è difficile da perdere».


Nessun commento:

Posta un commento