mercoledì 1 luglio 2015

Orrorin tugenensis: the millenium man!

Orrorin tugenensis is a postulated early species of Homininae, estimated at 6.1 to 5.7 million years (Ma) and discovered in 2000. It is not confirmed how Orrorin is related to modern humans. Its discovery was an argument against the hypothesis that australopithecines are human ancestors, as much as it still remains the most prevalent hypothesis of human evolution as of 2012.[1]

The name of genus Orrorin (plural Orroriek) means "original man" in Tugen,[2][3] and the name of the only classified species, O. tugenensis, derives from Tugen Hills in Kenya, where the first fossil was found in 2000.[3] As of 2007, 20 fossils of the species have been found.[4]

Fossils[edit]

BAR 1002 ororin fossil
The 20 specimens found as of 2007 include: the posterior part of a mandible in two pieces; a symphysis and several isolated teeth; three fragments of femora; a partial humerus; a proximal phalanx; and a distal thumb phalanx. [4]

Orrorin had small teeth relative to its body size. Its dentition differs from that found in Australopithecus in that its cheek teeth are smaller and less elongated mesiodistally and from Ardipithecus in that its enamel is thicker. The dentition differs from both these species in the presence of mesial groove on the upper canines. The canines are ape-like but reduced, like those found in Miocene apes and female chimpanzees. Orrorin had small post-canines and was microdont like modern humans, whereas robust Australopithecenes were megadont. [4]

In the femur, the head is spherical and rotated anteriorly; the neck is elongated and oval in section and the lesser trochanter protrudes medially. While this suggest that Orrorin was bipedal, the rest of the postcranium indicates it climbed trees. While the proximal phalanx is curved, the distal pollical phalanx is of human proportions and has thus been associated with toolmaking, but should probably be associated with grasping abilities useful for tree-climbing in this context.[4]

After the fossils were found in 2000, they were held at the Kipsaraman village community museum, but the museum was subsequently closed. Since then, according to the Community Museums of Kenya chairman Eustace Kitonga, the fossils are stored at a secret bank vault in Nairobi.

TSIPRAS: SE VINCE IL SI MI DIMETTO

«Se vince il no? Dovremo forse dire addio all’euro». «Il sì? Non saremo noi ad attuare austerità».
Una rivendicazione orgogliosa delle sue decisioni – il rifiuto di accettare le misure chieste dalla Ue e di sottoporle a referendum – davanti a tutti i greci. Parla in televisione, il premier Tsipras. Circa 20 minuti di un discorso dove si sono alternati toni arrabbiati e pacati, grintosi e determinati. Chiama a raccolta la popolazione. Esortandola. «La grande folla radunata a Syntagma ci dà la forza…con calma e compostezza affronteremo minacce e ricatti». Un fiume in piena. Un j’accuse alla Bce: «Non vogliono cacciare la Grecia dalla Ue, volevano cacciare questo governo e cacciare via la speranza». E ancora, in vista della consultazione di domenica 5 luglio: «Maggiore sarà la percentuale del “no”» al referendum , «maggiori saranno le armi del governo greco per rilanciare i negoziati». Ribadisce che «la gente ha il diritto di scegliere il proprio futuro» e dice: «Il popolo farà sentire la sua opinione sulle note questioni: la loro voce sarà ascoltata». Usa clava, fioretto e ironia. «La proposta di Juncker? Uguale a quella avanzata dal Fmi». La Grecia riuscirà a ripagare il debito di 1,6 miliardi di euro al Fondo monetario internazionale entro la scadenza di domani (martedì, ndr) solo «se prima di allora sigleremo un accordo sostenibile». «Noi non vogliamo rompere l’Eurozona, ma faremo tutto il necessario affinché i greci sopravvivano».

«Le banche riapriranno appena la Bce riaprirà liquidità»

Tranchant, sul riavvio delle attività agli sportelli: «Le banche riapriranno appena la Bce riaprirà la liquidità. Questo avverrà dopo un chiaro risultato al referendum, che consentirà un accordo entro poche ore»

«La Grecia fuori dalla Ue? Costi immensi»

Alla domanda precisa sul senso del referendum Tsipras risponde: la consultazione ha l’obiettivo di permettere una ripresa dei negoziati con i creditori. Poi ripete, quasi sillabando, di non ritenere che Ue e Bce vogliano sbattere Atene fuori dall’Eurozona, anche perché «i costi sarebbero immensi». Ma «abbiamo detto no agli ultimatum» e abbiamo preferito «dare la parola al popolo greco».

«Se vince il sì? Non sono un uomo per tutte le stagioni»

«Non sono un uomo per tutte le stagioni»: ha detto Tsipras quando i giornalisti di Ert gli hanno chiesto cosa farà se domenica vincerà il Sì agli accordi con i creditori, alludendo a possibili dimissioni. «Se il popolo greco vuole procedere con i piani di austerità in eterno, piani che ci impediranno di risollevare la testa, noi lo rispetteremo ma non saremo noi a darvi attuazione».

«Se vince il no forse addio all’euro

Se vince il no, «dovremo forse dire addio all’euro». «I cittadini greci potranno sopravvivere anche senza il programma di aiuti», ha ancora detto il leader di Syriza.

«Da Hollande e Merkel non ho ricevuto risposta negativa»

Il premier ha raccontato di aver anticipato alla cancelliera Angela Merkel e al presidente francese François Hollande la decisione del Gabinetto di Atene di convocare un referendum sulla proposta dei creditori e di «non aver ricevuto» da parte loro «una risposta negativa». «Ho chiesto una proroga e nessuno quella sera mi ha detto che non ci sarebbe stata alcuna proroga», ha sottolineato.

«Abbiamo fatto il possibile per arrivare ad accordo»

E ancora: «Tutti i greci possono testimoniare che abbiamo fatto tutto il possibile perché si arrivasse ad un accordo» ha detto Tsipras. Ma «la conclusione cui sono arrivato è che l’obiettivo delle altre parti coinvolte non fosse quello di colmare il divario ma invece quello di farci adottare le loro posizioni». Chiarisce: quando è stato detto di no alla proroga per la Grecia «non li ho presi di sorpresa, ma sono rimasto io sorpreso il giorno seguente all’Eurogruppo. Quella sera pensavo di vedere la luce alla fine del tunnel, credevo nella proroga, il governo precedente l’aveva avuta

Study Reveals an Early Tree-Dwelling Bipedal Human Ancestor was Similar to Ancient Apes

An analysis of “Millenium Man” by a Stony Brook-led research team published in Nature Communications provides clues to the origins of human bipedalism
STONY BROOK, N.Y., December 4, 2013 – An analysis of the femur of one of the oldest human ancestors reveals the six-million-year-old “Millenium Man” http://humanorigins.si.edu/evidence/human-fossils/species/orrorin-tugenensis was bipedal but lived in the trees. The research, led by Stony Brook University researchers and their team of international paleoanthropologists, could provide additional insight to the origins of human bipedalism and is published in Nature Communications http://www.nature.com/ncomms/2013/131203/ncomms3888/abs/ncomms3888.html


In the research paper, titled "The femur of Orrorin tugenensis exhibits morphometric affinities with both Micoene apes and later hominins," Lead Investigator Sergio Almécija, PhD, a Research Instructor from the Department of Anatomical Sciences at Stony Brook University School of Medicine, and co-authors clarify and contextualize Orrorin tugenensis, or Millenium Man’s place in human and ape evolution.

The team completed 3D geometric morphometric analyses on the shape and characteristics of the femur of Orrorin, which revealed its morphology to be an "intermediate" between fossil apes and later human ancestors (hominins). The findings opens a new avenue in bipedal evolution research as they illustrate that hominins and living apes evolved in different directions from fossil apes from the Miocene (23 to 5 million years ago).

Millenium Man is fossil from East Africa and considered to be one of the best candidate species for what may be called the earliest hominins. However, its hominin status has been questioned by some scientists. Miocene apes are fossil relatives of the ape-human lineage with body shapes somewhere in between living monkeys and apes. Most Miocene apes walked on their fours in the trees instead of suspending themselves below branches.

According to Dr. Almécija, their study for the first time compared the six-million-year-old Millenium Man femur (called BAR 1002'00) using state-of-the-art morphometric techniques to not only other available hominin fossils but also great apes, hylobatids (ie, gibbons and siamangs), and most importantly to fossil apes that lived in the Miocene. The analysis included more than 400 specimens.

"We discovered that Orrorin's femur is surprisingly 'intermediate' in both age and anatomy between quadrupedal Miocene apes and bipedal early human ancestors," said Dr. Almécija. "Our paper provides quantitative results of the Orrorin femur as a unique mosaic and stresses the need to incorporate fossil apes into future analyses and discussions dealing with the evolution of human bipedalism, an investigation that should stop considering chimpanzees as default living 'starting point' models."

A similar take-home message was derived from the extensive analyses of the postcranial skeleton of the 4.4 million-year-old Ardipithecus ramidus from Ethiopia.

Dr. Almécija explained that because chimpanzees are our closest living relatives in terms of molecular data, a majority of paleoanthropologists presume that the last common ancestor of chimpanzees and humans looked exactly like a chimpanzee. For that reason, Miocene apes have been largely ignored in the human origins scientific literature. Although chimpanzees and other great apes can still represent good ancestral models for other anatomical regions, this new study proves that it is not the case of the proximal femur.

Based on the 3D geometric morphometric analyses, the Orrorin femur is most similar overall to Miocene ape Proconsul nyanzae but also closely linked to Australopithecus afarensis (ie, "Lucy).

Regarding their technique and the overall findings, the authors wrote:

"Although the nature of our morphometric approaches differs from previous analyses, our results match and reinforce many of the conclusions from most previous analyses by showing subtle differences between australopiths and fossil Homo in terms of proximal femoral shape. Our results also agree that Orrorin shows an external femoral anatomy more similar to that of early hominins than that of modern humans. However, by virtue of adding earlier Miocene apes, our results expand previous conclusions reached on Orrorin by indicating the six-million-year-old  BAR 1002'00 femur is not modern human-like or intermediate between extant great apes and humans, but rather intermediate between more plesiomorphic fossil ape and Plio-Pleistocene hominins."

Co-author William Jungers, PhD, Distinguished Teaching Professsor, and Chair of the Department of Anatomical Sciences at Stony Brook University School of Medicine, emphasized that the team's reconstruction and findings also reveal that some Miocene apes may represent a more appropriate model for the ancestral morphology from which hominins evolved than do existing great apes and particularly the chimpanzee.

"Living apes have long and independent evolutionary histories of their own, and their modern anatomies should not be assumed to represent the ancestral condition for our human lineage," explained Dr. Jungers. "But we need a better understanding of the paleobiology of Miocene apes in order to properly inform us as to how and when walking on two legs became part of our heritage."

The research leading to the findings was supported in part by the Fulbright Commission and the Generalitat de Catalunya of Spain, the Wenner Gren Foundation, and the National Science Foundation.

Other co-authors on the paper include: Melissa Tallman, Department of Biomedical Science at Grand Valley State University in Michigan; David M. Alba, of the Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont, Universitat Autònoma de Barcelona, and Universita degli Studi di Torino in Italy; Marta Pina of the Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont, Universitat Autònoma de Barcelona; and Salvador Moyà-Solà, ICREA at Institut Català de Paleontologia Miquel Crusafont, and Unitat d'Antropologia Biològica, Universitat Autònoma de Barcelona.



About Stony Brook’s Department of Anatomical Sciences

The Department of Anatomical Sciences is one of 26 departments within the Stony Brook University School of Medicine. The department includes graduate and doctoral programs in Anatomical Sciences. Fields of study include research on human evolutionary anatomy, morphology and vertebrate paleontology. Many faculty members in the department are also participants in an interdepartmental graduate program in anthropological sciences that is recognized worldwide for its faculty and research strengths in functional morphology and human evolution.

http://sb.cc.stonybrook.edu/news/general/131204earlytreedwelling.php

Piemonte: ecovillaggio di case sugli alberi in continua espansione

12 adulti e una bambina vivono sugli alberi di castagno sui Monti Pelati nel Canavese,in un villaggio di palafitte.”Non siamo eremiti,vogliamo vivere meglio”

Sogno di molti, vivere liberi ed in simbiosi con la natura. Magari in una casa piccola, di legno: la casa sull’albero, luogo di gioco da bambini diventa “rifugio in cui vivere una vita tranquilla e a contatto con la natura, una vita in cui non si deve correre e non si deve rincorrere.”

Ma non è un sogno per 12 adulti ed una bambina di un anno che vivono sugli alberi di castagno sui Monti Pelati nel Canavese, una piccola comunità nata in un bosco di latifoglie.

A sette metri di altezza ecco le casette a un piano unico, di legno e con le pareti ricamate da decorazioni lignee, hanno creato il  primo villaggio ‘arboricolo’ di Italia. Le case, realizzate con le più innovative tecniche di bioedilizia, si integrano perfettamente alla natura e sono costruite utilizzando quanto più possibile materiali del bosco o materiali riciclati, e sorgono tutte sugli alberi di castagno ad un’altezza di 6-7 metri, supportate da grosse travi di legno, in stile vecchia palafitta.

«Non siamo “figli dei fiori” o delusi della società e tanto meno eremiti», spiega Dario, papà di Galatea. E a conferma delle parole arriva il mestiere: Dario fa il manager e dirige la sua azienda che importa in Italia rum cubano. «Volevamo solo recuperare una vita che tutti noi sentivamo di perdere nelle nostre città. Qui noi non sopravviviamo, qui riusciamo a vivere più intensamente

BIPEDAL ‘MILLENIUM MAN’ HUNG OUT IN TREES

"We discovered that Orrorin's femur is surprisingly 'intermediate' in both age and anatomy between quadrupedal Miocene apes and bipedal early human ancestors," says Sergio Almécija. Above, the femur of Orrorin tugenensis.

An analysis of the femur of one of the oldest human ancestors reveals that the six-million-year-old “Millenium Man” was bipedal but lived in the trees.

The research, published in Nature Communications http://www.nature.com/ncomms/2013/131203/ncomms3888/full/ncomms3888.html , could provide additional insight to the origins of human bipedalism.

In the paper, lead investigator Sergio Almécija, a research instructor from the department of anatomical sciences at Stony Brook University School of Medicine, and co-authors clarify and contextualize the place of Orrorin tugenensis, or Millenium Man, in human and ape evolution.

The team completed 3D geometric morphometric analyses on the shape and characteristics of the femur of Orrorin, which reveals its morphology to be an “intermediate” between fossil apes and later human ancestors (hominins).

The findings open a new avenue in bipedal evolution research as they illustrate that hominins and living apes evolved in different directions from fossil apes from the Miocene (23 to 5 million years ago).

Millenium Man is a fossil from East Africa and considered to be one of the best candidate species for what may be called the earliest hominins

La scelta della legge regolatrice nell’utilizzo del “trust”

LA LEGGE APPLICABILE AL TRUST

Oggetto Riferimenti normativi principali

Il trust oggi

Il trust è uno strumento, di origine anglosassone, particolarmente utilizzato in Paesi common law per pianificare la destinazione di patrimoni a particolari finalità o a determinati soggetti.
In data 1° luglio 1985 è stata sottoscritta a L'Aja la Convenzione sulla legge applicabile ai trust e sul loro riconoscimento. Il nostro Paese con legge 9 ottobre 1989, n. 364 ha recepito la suddetta Convenzione, senza tuttavia introdurre nel nostro ordinamento un'autonoma disciplina dell'istituto in esame.
Il trust è oggi nuovamente sotto i riflettori per il tentativo di ricondurne la disciplina, quanto meno sotto il profilo fiscale, a quella prevista in caso di trasferimento a titolo gratuito inter vivos o mortis causa.

Scelta tra "trust" interno o estero
La Convenzione Aja, con l'art. 6, assegna massima libertà al disponente nella scelta della legge di regolamentazione del trust.
Mancando nell'ordinamento italiano una disciplina autonoma dell'istituto, il settlor deve necessariamente fare riferimento a leggi regolatrici estere anche nell'ipotesi in cui tutte le parti siano italiane e il trust possa definirsi interno.
La legge di regolamentazione può essere scelta tramite espressa indicazione nell'atto istitutivo del trust, ovvero indirettamente ricavarsi dalla verifica del Paese con il quale l'istituto ha i più stretti legami (per esempio: luogo di amministrazione del trust, localizzazione dei beni in trust, residenza del trustee ecc.

Beppe Grillo ad Atene per il referendum #TuttiAdAtene

"Domenica e lunedì sarò ad Atene insieme ad alcuni nostri portavoce in Parlamento italiano ed europeo per esprimere la solidarietà e vicinanza di tutto il M5S ai cittadini greci in questo momento di democrazia. L'ultima parola spetta ai cittadini e il popolo greco prenderà la decisione che più ritiene opportuna tra proseguire con l'austerità imposta dai burocrati e dai banchieri o riprendersi la propria sovranità. Anche in Italia vogliamo che siano i cittadini a decidere sull'euro con il referendum che proporremo in Parlamento con una legge di iniziativa popolare già depositata in Senato. Il potere al popolo, non alle banche.

Porto Rico a rischio bancarotta

di FRANCESCO SEMPRINI

NEW YORK
Mentre l’Europa è alle prese con la crisi ellenica, dall’altra parte dell’Atlantico incombe lo spettro di un altro «default», quello di Porto Rico. L’isola caraibica, che rientra nel sistema del Commonwealth come protettorato statunitense, (si tengono le elezioni per le presidenziali Usa), sta vivendo momenti di grande tensione, data l’incapacità di ripagare il proprio debito di 72 miliardi di dollari. La certificazione della crisi è giunta nelle scorse ore, con il taglio da parte di Fitch del rating dell’isola a «CC» da «B».

L’agenzia ha inoltre mantenuto lo status di «rating watch negativo», lasciando la porta aperta a ulteriori ribassi del proprio giudizio sulla solvibilità. A lanciare l’allarme ieri era stato il governatore Alejandro García Padilla, il quale aveva chiesto aiuto per tirare l’isola fuori dalla «spirale della morte» in cui è rimasta incastrata. «Non ci sono altre opzioni. Mi piacerebbe avere una soluzione più facile. Questa non è politica, è matematica», ha detto Padilla in riferimento a un intervento sull’esposizione.

Una ristrutturazione del debito di Porto Rico rappresenta un «test senza precedenti», simili alle «acque inesplorate» paventate da molti in Europa in caso di «Grexit», per il mercato dei bond Usa, al quale Stati e città americani ricorrono per i loro bisogni di base, quali la costruzione di strade e degli ospedali pubblici. I creditori devono «condividere i sacrifici» imposti all’isola, ha rilanciato Padilla, sottolineando che è necessario prendere decisioni difficili per affrontare le sfide che abbiamo davanti. E io intendo fare tutto quello che è in mio potere». Secca la replica della Casa Bianca che attraverso il portavoce Josh Earnast ha garantito che «nessun salvataggio federale», è contemplato per Porto Rico

Caso Loquenzi: deputati M5S ratificano la volontà di Casaleggio

di JACOPO IACOBONI

Alla fine, a tarda sera, i deputati del Movimento cinque stelle hanno chinato amaramente la testa e ratificato passivi la volontà di Casaleggio. Sono riusciti - magra consolazione - a non votare, perché il voto li avrebbe definitivamente squassati, ma squassati lo sono già: il direttorio è imbarazzatissimo e sculacciato dal cofondatore del Movimento e in definitiva Gianroberto Casaleggio si riprende il pallone e azzera il voto di sfiducia che gli era arrivato contro la scorsa settimana. Ma la storia, com’è evidente, avrà un mucchio di strascichi e non finisce così. Questa è solo una puntata, per quanto sintomatica e rivelatrice.

Ilaria Loquenzi, la contestatissima - e molto poco amata - responsabile della comunicazione del Movimento alla Camera resta al suo posto, ma lo scontro che s’è consumato è stato durissimo: tra parlamentari e Casaleggio, tra parlamentari e direttorio, e all’interno degli stessi parlamentari. Ieri sera, in un’assemblea che non finiva mai e che è stata ovviamente molto aspra, si sono create (almeno) due grandi fazioni: da una parte il direttorio e diversi parlamentari che spingevano perché si rivotasse, pur sapendo che questo avrebbe definitivamente spaccato in due il gruppo, ma il loro guadagno era farsi belli con Milano e acquisire peso agli occhi di Casaleggio. Dall’altra chi mercoledì aveva votato no, stanco delle imposizioni di Casaleggio, ma anche tantissimi astenuti, o gente che non ne voleva assolutamente sapere di prender parte a quella contesa, mortale per l’affiatamento e le speranze di compattezza del gruppo. Nel primo voto, ricordiamolo, gli assenti erano stati una trentina: tanti

martedì 30 giugno 2015

Casaleggio sfida i deputati M5S a un secondo voto sul “suo” staff

Oggi alla Camera convocata una nuova assemblea sulla sorte della Loquenzi, responsabile della comunicazione. Il cofondatore vuole una conta su di sé

L’assemblea dei deputati del Movimento cinque stelle è stata convocata oggi: con scelta clamorosa, il cofondatore del Movimento Gianroberto Casaleggio chiede che si rivoti sulla posizione di Ilaria Loquenzi, capo della comunicazione del Movimento alla Camera. Mercoledì scorso la Loquenzi era stata sfiduciata con un voto tutto “politico”, che poco importerebbe, se fosse per la sua persona, ma che in sostanza era una specie di sfiducia mirata a Casaleggio in persona. Qualcosa che, nelle premesse iniziali del Movimento, sarebbe stato impensabile. Il che induce a chiedersi: cosa sta succedendo a una forza che tuttora naviga intorno al 20 per cento, forse di più, dei consensi italiani, e che con l'Italicum può persino sognare il ballottaggio? È in corso quella che si può benissimo chiamare una scalata, o un tentativo di golpe interno, o semplicemente la metamorfosi del Movimento in un partito, con tutte le logiche che ne conseguono?

Lì per lì Casaleggio, infuriato, aveva strigliato il direttorio e il suo leader, sicuramente il parlamentare politicamente più ambizioso, Luigi Di Maio, perché non erano riusciti a gestire la situazione. Incapaci, a non voler pensare peggio

Le Isole Pitcairn (il più piccolo Paese al mondo) legalizzano le nozze gay

Gli abitanti sono solo 48 ma per sposarsi non occorre la residenza: «Al momento nessuno dei nostri abitanti ha fatto richiesta. Ma se sta succedendo nel resto del mondo, perché non deve succedere anche qui?»

Un nuovo Paese dice «sì» alle nozze gay. Si tratta del minuscolo arcipelago di Pitcairn nel Pacifico meridionale che ha appena legalizzato le nozze tra persone dello stesso sesso. La nuova legge, «Same Sex Marriage and Civil Partnership Ordinance», consente i matrimoni omosessuali ai 48 abitanti delle Pitcairn (il più piccolo Paese al mondo fondato nel 1790 dai discendenti degli ammutinati del Bounty) fra i quali tuttavia non risultano coppie gay desiderose di sposarsi. Almeno fino ad ora. Il vice governatore David Lynch ha spiegato che sul cambiamento ha influito l’approvazione delle nozze tra persone dello stesso in Inghilterra, Galles e Scozia lo scorso anno. Le isole sono infatti territorio britannico dotato di ampia autonomia. La legge è stata approvata all’unanimità dal consiglio locale. Un portavoce del governo ha commentato: «Non è una legge per i nostri abitanti. Ma se sta succedendo nel resto del mondo, perché non deve succedere anche qui?».
«Un messaggio positivo»
La notizia è stata presa con entusiasmo dagli attivisti gay dell’Australia, Paese relativamente vicino (anche se dista dalle Pitcairn oltre 7mila chilometri) dove il matrimonio gay non è ancora stato approvato. Parlando con il Daily Telegraph britannico, il direttore dell’associazione australiana Marriage Equality, Rodney Croome, ha commentato: «La riforma mostra come gli abitanti delle Pitcairn apprezzino inclusione e uguaglianza. È di sicuro un messaggio positivo». La legge non richiede il requisito della residenza

Per candidare Di Battista a sindaco di Roma è già pronto il referendum on line del M5S

Casaleggio sarebbe pronto all’escamotage per conquistare la Capitale

di Ilario Lombardo

Ricordate la regola sui talk show? I «pollai» come li chiamavano i parlamentari 5 Stelle, fieri di tenersi a distanza dall’agone chiassoso della tivù. A un certo punto, a Genova e a Milano, dove pulsa il cervello organizzativo del Movimento, si è deciso che per prendere voti la televisione era un male necessario. Le deroghe, se si vuole, si trovano sempre. E il M5S potrebbe fare un altro strappo al proprio ideale di purezza per Alessandro Di Battista.

Non è semplice, ma è possibile. Nel vangelo dei 5 stelle c’è un comandamento che adesso in molti vedono come d’impaccio all’agognata conquista di Roma. Qualunque eletto deve concludere il proprio mandato prima di essere candidato altrove. Gianroberto Casaleggio, come è noto, ha freddato i furori di tanti fan che chiedono di mettere il Dibba alla guida della lista per la corsa al Campidoglio, declinando così il suo no: «Ogni volta che deroghi a una regola praticamente la cancelli». Non è stato però riportato completamente il pensiero del fondatore. E il pezzo mancante del ragionamento apre una nuova prospettiva. Come spiega un membro dello staff molto vicino al guru, quello che intendeva Casaleggio è che «sono inaccettabili deroghe prese dall’alto». Ovvero: né lui né Beppe Grillo daranno mai il dischetto verde alla candidatura di Di Battista.

Ma una strada alternativa c’è, ed è scritta nel Dna del Movimento. Nell’amata Rete, che ha cullato i sogni casaleggiani di veder trionfare la democrazia partecipativa. «Basta affidare la decisione a un referendum sul blog. Se la base lo vuole…altrimenti non avrebbe senso per noi parlare di democrazia diretta». Il pressing pro-Di Battista di una fetta di parlamentari e dei militanti si fa ogni giorno più forte sul web e potrebbe tradursi a breve in un’altra novità: migliaia e migliaia di mail indirizzate alla Casaleggio Associati, un vero e proprio mailbombing che solo all’apparenza costringerebbe il guru a cedere al voto online sulla deroga, perché in verità gli faciliterebbe quel via libera che lui e Grillo non darebbero certo a malincuore.

Questa è la strategia, ben vista anche dal direttorio, per vincere le loro ultime resistenze e aggirare la regola. Roma fa troppo gola. Dopo Mafia Capitale, nei sondaggi il M5S veleggia su cifre altissime. Oggi, a Ostia, alla fiaccolata dell’onestà, dovrebbe esserci Grillo. Chiederà a Ignazio Marino di sloggiare. Il sindaco si è barricato in trincea ma se e quando lascerà, il M5S vuole farsi trovare pronto. Non con Marcello De Vito, capogruppo in Comune, candidato considerato troppo debole. Ma un nome che preoccupa il Pd e Matteo Renzi. Di Battista è il volto più mediatico del Movimento, l’«arringatore» della piazza, sempre a suo agio quando c’è da urlare «mafia», «partiti», «onestà», nella stessa frase.

Va da sé che il M5S sta piano piano smontando l’impianto originario della creatura di Grillo e Casaleggio. E se c’è uno che incarna la nuova fase di istituzionalizzazione del Movimento è Luigi Di Maio che con Di Battista divide la fama, ma rispetto a lui è lanciato verso la più ambiziosa candidatura a premier. Per raggiungere quel traguardo, qualcosa va sacrificato. La trasparenza assoluta, per esempio, altro pilastro dei grillini. «I panni sporchi si lavano in casa». La frase la usò un giovane Giulio Andreotti contro «Umberto D» di Vittorio De Sica, perché rendeva pessimo servigio alla patria. Ma nella sua evoluzione dorotea l’ha usata di recente anche Di Maio in un giro di sms in cui ordinava di non parlare più della possibile espulsione di Federico Piccitto, sindaco di Ragusa, reo di non aver fermato le trivellazioni. «Evitiamo altre cazz.. – dice Di Maio – e se le riunioni sono a porte chiuse, non si pubblica nulla di quello che diciamo». La stagione delle espulsioni è finita. Ma anche lo streaming è un ricordo lontano.

http://www.lastampa.it/2015/06/27/italia/politica/per-di-battista-sindaco-referendum-on-line-ms-wn1rlrdAVSIb6mFGcXlcdI/pagina.html

Casaleggio striglia Di Maio: lavorate male, sono deluso

Dopo la sfiducia dell’assemblea dei deputati alla Loquenzi, l’ira del cofondatore. Ora il delfino deve scegliere, o stare con il cofondatore o con i “suoi” parlamentari

JACOPO IACOBONI
Il golpe contro Casaleggio è in corso, ed è avvenuto quello che era stato segnalato: alla fine Ilaria Loquenzi, la capa della comunicazione del M5S alla Camera che tutti i deputati (poche volte si è sentita tale unanimità di giudizio) ritengono «priva di qualunque autorevolezza», e molti segnalano «anche priva dei titoli per quell’incarico», è stata sfiduciata. Contro di lei nella tarda serata di mercoledì hanno votato in 26 deputati (17 a favore, 14 astenuti; una trentina, attenzione, ha fatto in modo di risultare assente). Ma le conseguenze (e soprattutto i veri autori) di questo clamoroso attacco rivolto al cofondatore del Movimento vanno indagate e spiegate bene, nei limiti del possibile.

Non è che la Loquenzi fosse - contrariamente alla vulgata - particolarmente vicina a Casaleggio (semmai è vicina a Roberta Lombardi, che non s’è mai vista così fuori giri come ieri, investiva a male parole tutti quelli che considera responsabili dell’«agguato», definendoli «pezzi di m», e faceva girare la voce di un ruolo, inesistente, di Massimo Artini nell’operazione)

lunedì 29 giugno 2015

Spotify, Deezer, Google Play e Beats Music: come scegliere la musica in streaming

Tutto è cambiato nell’industria musicale e i servizi in abbonamento iniziano a fiorire in qualità
e numero: ecco quali sono i portali, come funzionano e quanto costano. Una guida all’ascolto

di Martina Pennisi


Google Play Music

Botta e risposta: a pochi giorni dal debutto di Apple Music arriva la nuova versione di Google Play Music, disponibile per ora solo negli Stati Uniti.

A differenza della rivale, Mountain View punta sull’ascolto gratuito inframmezzato da messaggi pubblicitari. Cupertino, invece, dopo i 3 mesi di prova senza alcun costo richiede l’abbonamento mensile da 10 dollari. Con la novità Google sfida anche (e soprattutto) Spotify, anche se il nuovo servizio è basato su stazioni radiofoniche o liste di brani divise per genere, artista, album o attività compiuta durante l’ascolto. La selezione delle canzoni, nonché l’idea stessa del servizio, arriva dagli esperti di Songza, startup acquistata da BigG nel luglio del 2014. Si parte, come detto, questa settimana negli Usa via web e a cavallo delle app per iOs e Android. I brani disponibili sono 30 milioni e la versione a pagamento, senza pubblicità, comporta un esborso di 10 euro al mese.

Jay-Z vuole rilanciare l’anti-Spotify Tidal

Ascanio Celestini: Travaglio scegli tra giornalismo e teatro

Ascanio Celestini, autore di teatro e regista, non è d'accordo con l'editoriale che Marco Travaglio ha scritto per stroncare l'ipotesi che Adriano Sofri possa diventare consulente del ministero della Giustizia in tema di carceri. Travaglio non è andato per il sottile: oltre a ironizzare sul fatto che Sofri "potrebbe insegnare alle giovani generazioni come ordinare un omicidio, scontare meno di un terzo della pena e al contempo tirarsela da intellettuali e da vittime innocenti", sottolinea anche il fatto che l'ex leader di Lotta Continua ha scontato 7 dei 22 anni di carcere cui era stato condannato.


A questa invettiva risponde Celestini con uno scritto pubblicato su Facebook, nel quale consiglia a Travaglio di scegliere se essere giornalista o teatrante. Accusandolo, in maniera nemmeno troppo latente, di alterare i fatti e fare monologhi lontani dal giornalismo e più vicini alla fiction:

SOFRI E TRAVAGLIO, LA GALERA E IL TEATRO

Ieri Marco Travaglio ha scritto un articolo su Adriano Sofri, ma poi ha parlato anche di altro. Per me che faccio teatro e ogni tanto vedo lui comparire come attore nelle stagioni teatrali è un motivo di riflessione importante. Da alcuni anni ci chiediamo (io, ma soprattutto critici e studiosi) come mai giornalisti e magistrati, ma alle volte anche preti, portino in scena degli spettacoli teatrali. Lo so che il teatro è meno piccolo di una nicchia, ma è un settore nel quale operano dei professionisti che si sono formati per farlo. Non basta avere delle cose da dire per farci un’opera teatrale.
Ma probabilmente non è così visto che c’è gente che compra il biglietto per vedere Travaglio.
Oggi mi sono dovuto ricredere. La forza persuasiva di Travaglio ha qualcosa di molto teatrale e tra i capolavori della persuasione mi ricorda il celebre discorso di Marco Antonio di Shakespeare. Cesare è stato ucciso dai congiurati e sulla sua salma Antonio parla proprio col loro permesso. Anche per questo la plebe gli crede. Bruto ha ucciso Cesare per combattere la tirannia e Antonio utilizza proprio i suoi argomenti per rovesciarne il senso.
Travaglio lo fa in un modo più semplice di Shakespeare, ma ci prova.
La questione che cerco di affrontare nasce dal fatto che Sofri viene invitato dal ministro Orlando a parlare di carcere e giustizia e Travaglio scrive che nessuno meglio di lui può farlo, ma lo dice ricordando che non ha scontato tutti e 22 gli anni di carcere al quale è stato condannato. Scrive che “è riuscito a scontarne a malapena 7” e gioca tralasciando il fatto che per un altro mucchio di anni è uscito di giorno per lavorare e poi è tornato di sera tra le sbarre.
La galera solo di notte, per lui, è villeggiatura come per Berlusconi era il confino ai tempi del fascismo?

Orrorin tugenensis: millenium man

Living around 6 million years ago, Orrorin tugenensis is the one of the oldest early humans on our family tree. Individuals of this species were approximately the size of a chimpanzee and had small teeth with thick enamel, similar to modern humans. The most important fossil of this species is an upper femur, showing evidence of bone buildup typical of a biped - so Orrorin tugenensis individuals climbed trees but also probably walked upright with two legs on the ground.

Nickname:  Millenium Man
Where Lived:  Eastern Africa (Tugen Hills, central Kenya)
When Lived:  Sometime between 6.2 and 5.8 million years ago

Year of Discovery:  2001
History of Discovery:
A research team led by French paleontologist Brigitte Senut and French geologist Martin Pickford discovered this species in the Tugen Hills region of central Kenya. They found more than a dozen early human fossils dating between about 6.2 million and 6.0 million years old. Because of its novel combination of ape and human traits, the researchers gave a new genus and species name to these fossils, Orrorin tugenensis, which in the local language means “original man in the Tugen region.” So far, Orrorin tugenensis is the only species in the genus Orrorin.

Height & Weight Supplemental Information:
Orrorin’s femur (thigh bone) and humerus (upper arm bone) are about 1.5 times larger than those of Lucy’s (AL 288-1). Therefore, scientists estimate that Orrorin would have been 1.5 times larger than Au. afarensis, suggesting a size similar to a female chimpanzee, between about 30 and 50 kg.

Cous Cous Fruttariano 3M

Cous cous fruttariano preparato con:

– platano fresco acerbo,
– cetriolo,
– zucca,
– pomodori,
– peperoni,
– olive,
– olio di oliva denocciolato,
– sale integrale grezzo q.b.
_ paprika dolce


Procedimento:
prendere un platano fresco acerbo e metterlo nel forno (180° circa), con la buccia per circa 20 minuti, diventerà nero. A questo punto toglietelo e lasciatelo raffreddare per qualche minuto. Nel frattempo tagliate la frutta-ortaggio a pezzettini.

Una volta raffreddato un pochino il platano (non troppo), giusto per permettervi di mangiarlo, toglieteli la buccia, mettetelo a tocchetti in un mixer,

Fondatore dell'anatomia comparata: l' UOMO è un animale FRUTTIVORO - George Cuvier

Nato a Montbéliard, un principato retto dal duca di Württemberg, anche se di lingua francese, Georges L. Chretien Cuvier compì gli studi a Stuttgart, divenendo tutore di una nobile famiglia in Normandia; qui cominciò a farsi una reputazione di ottimo naturalista, tanto che nel 1795 fu invitato da Geoffroy Saint-Hillaire a Parigi, dove divenne prima assistente e poi professore di anatomia animale presso il Musée National d’Histoire Naturelle di recente costituzione.


Quando Napoleone prese il potere, fu nominato ispettore generale per l’educazione pubblica e successivamente Consigliere di Stato, incarico che mantenne sino alla sua morte anche quando fu restaurata la monarchia. Cuvier e Geoffroy collaborarono a molti progetti di ricerca e fu lo stesso Cuvier ad analizzare i reperti che Geoffroy Saint-Hillaire aveva portato a Parigi al ritorno della campagna napoleonica in Egitto. Lavoratore instancabile, descrisse e classificò numerose specie animali, occupandosi in special modo di Vertebrati, viventi e fossili, ma anche di molluschi.

Cuvier è universalmente conosciuto come il padre dell’anatomia comparata. Già Leonardo aveva individuato corrispondenze fra le strutture di organismi diversi, mettendo in luce, per esempio, omolologie (al suo tempo non esiste differenza fra il termine omologia e analogia) fra le ossa di vertebrati; lentamente si andava così facendo strada l’idea che fossero presenti piani di organizzazione comuni a vari organismi; nelle lezioni di Anatomia Comparata dei Vertebrati, tenute da Cuvier al Museo di Storia Naturale di Parigi, la comparazione fra i vari organi dei vertebrati divenne il metodo di studio fondamentale per comprendere l’organizzazione di base presente in ciascun embranchement. Stabilì chiaramente il concetto di correlazione delle parti e a tal proposito una sua affermazione è rimasta famosa:
“attualmente, l’anatomia comparata ha raggiunto un tale grado di perfezione che, anche esaminando un singolo osso uno può arrivare a determinare la Classe di appartenenza e in certi casi anche il Genere a cui l’animale apparteneva, soprattutto se l’osso faceva parte della testa o degli arti ….Questo perché il numero, la direzione e la forma delle ossa che compongono ciascuna parte del corpo dell’animale sono sempre in relazione rispetto a tutte le altre parti, in modo tale che uno a partire da una parte può risalire a tutte le altre e vice versa.”



Secondo Cuvier

I danni della carne alla mente dell’uomo – Armado D’Elia

di Armando D’Elia
Naturalista, chimico, studioso di dietetica vegetariana (Comitato Scientifico AVI)



È noto anche che i cani, sebbene in natura siano carnivori, se si vuole che montino con efficacia la guardia e aggrediscano persone a loro sconosciute, debbono essere alimentati con razioni di carne superiori al normale. Analogamente, se si vuole, in tempo di guerra, impiegare degli uomini in azioni belliche molto rischiose, occorre dar loro abbondanti razioni di carne, utilizzata come una droga atta a sviluppare aggressività, violenza e insensibilità morale; nell’Iliade di Omero si narra di festini a base di carne, ai quali prendevano parte i guerrieri, tra una battaglia e l’altra.

Seneca faceva notare che tra i mangiatori di gran quantità di carne si annoverano i tiranni, gli organizzatori di eccidi, di faide e di guerre fratricide, i mandanti di assassinii, gli schiavisti, mentre coloro che si nutrono dei frutti della terra hanno un comportamento mite.
Liebig racconta che nel giardino zoologico di Giesen l’orso, se era costretto a mangiare carne al posto di vegetali, diveniva oltremodo irrequieto e pericoloso.

È nota l’espressione “la carne mi dà la carica”, usata da chi vuole giustificarne l’uso alimentare, dato che questa società, basa sulla competitività, sulla libera e sfrenata concorrenza e sull’arrivismo, esige dall’individuo una grinta aggressiva che permetta di farsi strada (é nota la frase “struggle for life”).

L’attività elettrica del cervello, rivelata elettroencefalograficamente (EEG), ha evidenziato che l’alimentazione vegetariana induce il cosiddetto “ritmo alfa”, che é espressione di uno stato di rilassamento neuromuscolare non solo del cervello, ma di tutto l’organismo. Leadbeater sostiene che tale indagine scientifica comprova la benefica azione del vegetarismo sul comportamento, in quanto vi apporta una sensazione di benessere “analogo allo stato di meditazione sulle realtà più profonde”.

Ecco perché gli uomini più intelligenti, più colti, più aperti, più tolleranti del mondo, di tutti i tempi, si annoverano tra i vegetariani, in tutti i campi dello scibile: nelle scienze, nella filosofia, nell’arte, nella letteratura, nella medicina, ecc..

Perché Pitagora, Ippocrate, Leonardo e moltri altri grandi erano vegani? E nessuno lo dice!
La mente non può essere sana se non é sano il corpo, il che, in termini pratici, significa che occorre dare alla salute del corpo la priorità essendo essa “conditio sine qua non” per la salute mentale. Da quanto precede deriva la grande importanza del vegetarismo il quale, disintossicando il corpo, purifica anche il sangue che nutre il cervello; il pensiero, di conseguenza, si fa più lucido e penetrante, ne consegue una vera e propria “dilatazione della mente”, aumenta la capacità di autocontrollo e la resistenza al lavoro intellettuale e a quello fisico e si instaura un atteggiamento caratterizzato da tolleranza, mitezza, disponibilità al dialogo sereno, alla ricerca di soluzioni pacifiche delle vertenze, all’amore, alla socievolezza, alla condivisione.

È ovvio, quindi, che se il sangue che nutre il cervello vi porta i cataboliti della carne, la fisiologia cerebrale ne resterà influenzata e il comportamento, invece, sarà caratterizzato – ripetiamo – da intolleranza, tendenza alla litigiosità e all’aggressività:

sabato 27 giugno 2015

I vegani e le proteine

Molti sembrano ossessionati dall’idea di avere carenza di proteine e non nutrono la stessa preoccupazione per un’eventuale carenza di minerali, vitamine o carboidrati, anche se il valore biologico delle proteine è condizionato dalla presenza di vitamine, sali minerali ed enzimi. In realtà l’organismo è una fabbrica di proteine: il DNA e l’RNA continuamente codificano proteine per la sopravvivenza dell’organismo ed è molto più facile eccedere il quantitativo necessario piuttosto che averne carenza.
Il quantitativo proteico necessario ad assicurare il ricambio cellulare risulta aleatorio e molto inferiore a quello che comunemente si crede. Nel 1963, un comitato  di esperti della Fao e dell’Oms stabilì il necessario quantitativo di 35 grammi cioè 0,5 grammi per peso corporeo al giorno. Negli anni 70 le quote minime proteiche giornaliere consigliate dalla FDA erano di 300 grammi al giorno, negli anni 80 erano calate a 250, negli anni 90 a 200, nel 2000 erano state ulteriormente decurtate a 150 e attualmente a 75, mentre le scuole igienistiche ANHS da un secolo ammoniscono l’umanità a rispettare il livello proteico di 11-25 grammi giornalieri, visto che 11 grammi è la quota massima assorbibile da un bambino e che oltre i 25 grammi ha inizio il micidiale fenomeno dell’acidificazione del sangue.
La proteina è una grossa molecola formata da centinaia di molecole più piccole, gli aminoacidi. La sintesi degli aminoacidi si realizza solo ad opera dei vegetali, unica fonte diretta di prelievo da parte degli erbivori e indiretta da parte dei carnivori. E’ dal regno vegetale che viene assunta la quota degli aminoacidi essenziali senza i quali nessun animale, compreso l’uomo, potrebbe sintetizzare proteine complete. Tra proteina di origine animale e vegetale non esiste differenza che possa pregiudicare l’una o l’altra scelta. L’estesa varietà dei prodotti vegetali rende di facile soluzione ogni diversa esigenza proteica.
Il concetto, errato quanto diffuso, è che le proteine animali sono biologicamente superiori a quelle di origine vegetale. In realtà qualunque tipo di proteina ingerita viene scissa dall’organismo in amminoacidi, che formeranno le proteine specifiche della specie e serviranno al rinnovo delle cellule o ai processi metabolici. Le nuove proteine non conservano alcuna caratteristica dell’alimento di provenienza. Questo venne certificato fin dal 1728 il Dr. Bartolomeo Beccari, scopritore del glutine del frumento, che dimostrò scientificamente l’isovalenza tra le proteine animali e vegetali.

MILANO: Pisapia abbatte alberi inutilmente causa cattiva gestione dei cantieri

intervento di M5S Parlamento

"Continua la battaglia dei portavoce M5S in difesa del verde a Milano, per salvare 573 alberi (molti dei quali di oltre 70 anni) a rischio di abbattimento per i cantieri della metropolitana M4.
Saranno numerosi i portavoce M5S presenti: i consiglieri regionali Casalino e Buffagni, i parlamentari Crimi, Toninelli, Carinelli,Caso, Cominardi, De Rosa, Mangili, Pesco, Tripiedi, Zolezzi, oltre ai portavoce m5s locali Bedori, Rovelli, e Calise, che per primo denunciò il piano di abbattimento della giunta Pisapia arrampicandosi su uno degli alberi ''condannati''.
Venerdì matina i portavoce M5s faranno un'ispezione all'interno di cantieri sull'asse Argonne-Indipendenza per controllare la qualità dei lavori svolti, il rispetto delle norme, delle autorizzazioni e della sicurezza dei lavoratori.

La partenza della visita è alle 11.30 da Viale Argonne
La maggior parte degli abbattimenti non sono dovuti a una stringente necessità tecnica, ne a causa di interferenze con le strutture della metro ma sono solo per dei cantiere temporanei e a causa di una cattiva pianificazione dei lavori. La giunta di Pisapia lo ha permesso e ha sbagliato. Questo è assolutamente inaccettabile. Chiediamo la revisione dei progetti della linea M4 e progetti alternativi tesi alla conservazione del maggior numero possibile di alberi.
La zona interessata è un bene paesaggistico di valore, sottoposto a tutela ambientale. Gli alberi sono patrimonio dei cittadini e non delle imprese. Noi siamo per la M4, ma non per il taglio selvaggio degli alberi

Elezioni politiche nazionali: Pd e M5S verso il testa a testa

Anche nelle rilevazioni di SWG si riduce il divario tra Movimento 5 Stelle e Pd. Il partito del premier Matteo Renzi continua a perdere punti: dal 40,8% delle elezioni europee, al 33% del 26 giugno, passando per il 34 del 18 giugno. La distanza fra pentastellati e dem si riduce secondo tutti i sondaggi: si va dai 4 punti delle rilevazioni Ipsos ad una decina di punti.



Il Movimento 5 Stelle, secondo SWG, guadagna 2 punti rispetto alle elezioni europee del 2014 e un punto rispetto al sondaggio della settimana scorsa.

Sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera: il M5S guadagna 6 punti in 2 mesi


Ipsos è ancora più "generoso verso il M5S". Secondo un sondaggio della settimana scorsa i pentastellati continuano a crescere, guadagnando ben 6 punti percentuali in soli 2 mesi e superando i livelli delle politiche, come spiega Francesco Anania su Termometro Politico:

"Il Corriere della Sera pubblica l'ultimo sondaggio Ipsos sulle intenzioni di voto ai partiti, con la

Renzi regala ancora soldi alle banche: il PD verso lo 0%

Se il Pd va avanti così "arriverà allo 0%". Luigi Di Maio ha commentato le ultime porcate del governo Renzi: si va dal caso Castiglione, il sottosegretario salvato dal Pd, al regalo alle banche. Riportiamo di seguito il post del deputato 5 Stelle:

"Renzi e il Pd in una sola settimana salvano Castiglione, non sospendono De Luca, fanno un decreto che regala 3 miliardi alle banche e soprattutto votano LA FIDUCIA sul Ddl scuola. Vai Renzi! Verso lo 0% ed oltre".

Il regalo alle banche

Scrive Mario Valenza su Il Giornale:

"Il Cdm ha approvato il decreto sulla Giustizia civile che contiene le norme per ridurre i tempi di riscossione dei crediti da parte delle banche.

Lo ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan dopo il Cdm. "Le misure approvate - ha detto - hanno a che fare con la necessità di rimettere in moto il mercato del credito che attualmente risente del peso dei crediti deteriorati".

PARMA: "Fritelli non firmi l'ampliamento dell'inceneritore"

Il documento del Comune di Parma verrà discusso dall'Assemblea dei sindaci. Folli: "La comunità locale sia unita nel difendere gli interessi di Parma, per non penalizzare i territori più virtuosi come il nostro".

In Consiglio comunale è stato approvato all'unanimità, ora il documento, per iniziativa del sindaco Federico Pizzarotti, approda in un testo praticamente uguale anche in Provincia.
Il titolo è lungo ma quanto mai eloquente: “Atto di indirizzo in merito alla richiesta di Iren di adeguamento dell’autorizzazione integrata del PAIP di aumentare la capacità di incenerimento dell’inceneritore di Ugozzolo dalle attuali 130.000 tonnellate/anno a 195.000 e di utilizzare rifiuti solidi urbani provenienti anche da bacini di raccolta extra-provinciali ed extra-regionali”.
Il documento verrà discusso in sede di Assemblea dei Sindaci il giorno 9 luglio e in sintesi, contiene la richiesta al presidente Filippo Fritelli di non firmare il decreto presidenziale che, accogliendo la richiesta formulata da Iren aprirebbe la strada all'ampliamento della capacità dell'inceneritore di Ugozzolo fino a quasi 200.000 tonnellate e consentirebbe di trattare rifiuti di provenienza extra - provinciale

Canto a Camilo Cienfuegos: rivoluzionario cubano censurato

Carlos Puebla è un cantautore cubano. Iniziò scrivendo canzoni d'amore. Dall'inizio degli anni cinquanta, Puebla cantava le difficili condizioni di vita del suo popolo e sfidava la dittatura di Batista.

La sua canzone più famosa, "Hasta Siempre" dedicata a Che Guevara, è stata reinterpretata e tradotta da dozzine di artisti in tutto il mondo.
Ma ha cantato le gesta anche di un altro eroe della Rivoluzione Cubana, Camilo Cienfuegos, con il brano "Canto a Camilo".



Cienfuegos nacque a L'Avana il 6 febbraio del 1932. Nel 1956, dopo un soggiorno clandestino negli Stati Uniti dove si era recato in cerca di lavoro, giunse in Messico per unirsi a Fidel Castro e ai "rebeldes". Nel novembre dello stesso anno in compagnia degli altri 81 "barbudos" salpò alla volta di Cuba a bordo del battello Granma. Diventò in breve uno dei massimi comandanti militari della rivoluzione cubana e fu l'artefice, insieme a Ernesto Guevara, della strategia che portò le colonne castriste a entrare a L'Avana, il primo gennaio 1959, dopo la fuga del corrotto dittatore Fulgencio Batista.
Dopo l'instaurazione del governo castrista Cienfuegos assume il comando di tutte le forze armate cubane meritandosi l'appellativo di "signore dell'avanguardia", coniato dall'amico Guevara; in breve tempo ricevette vari incarichi politici e divenne uno dei personaggi più popolari di Cuba, arrivando ad essere comparato quasi col leader della rivoluzione Fidel Castro, per via della sua semplicità, della sua umiltà e del suo sorriso.
Pochi mesi dopo il trionfo della rivoluzione cubana, Camilo Cienfuegos fu inviato da Fidel Castro a Camagüey per arrestare il rivoluzionario Huber Matos, che si opponeva alla svolta marxista di Fidel. Cienfuegos non fece però mai ritorno dalla missione. A causa di un improvviso uragano il suo piccolo aereo, un Cessna scomparve nell'Oceano Atlantico durante il ritorno a L'Avana da Camagüey. La versione ufficiale indica che morì il 28 ottobre del 1959

venerdì 26 giugno 2015

Il ritorno della 'guerra fredda'?

“Visti gli ultimi sviluppi geopolitici in Medioriente e nell'Est Europa, con ogni probabilità, il mondo sarà in guerra quest'estate. Probabilmente entreremo in guerra quest'estate, se siamo fortunati non sarà uno scontro nucleare”. A parlare è un alto funzionario NATO all'analista esperto di servizi di intelligence USA John Schindler.
Ci sono davvero rischi di una possibile terza guerra mondiale dalle potenziali conseguenze apocalittiche in un'epoca termonucleare? E il responsabile è davvero Putin come vuole far credere la stampa?

La posta in gioco

Gli Stati Uniti e la NATO hanno dichiarato recentemente di voler riconsiderare il modo di confrontarsi con una Russia “più assertiva”. E anche se tutti gli indizi portano ad una riproposizione del "contenimento" della guerra fredda, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Ashton Carter, ha precisato che gli USA “non si faranno trascinare” nel passato dalla Russia, e che la NATO resta aperta a un miglioramento delle relazioni, ma che “la decisione spetta al Cremlino”.

In realtà il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha ammesso che la NATO sta portando avanti “il più grande rafforzamento militare” fin dai tempi della guerra fredda.
Il 23 giugno, invece, Carter ha annunciato che Washington inizierà a posizionare carri armati, artiglieria e altri equipaggiamenti militari nei Paesi del centro e dell'est Europa

giovedì 25 giugno 2015

"Guardare i video dei gattini online aumenta il buonumore"

La rete è invasa di video e foto di gattini: da quelli che fanno le fusa a quelli che poltriscono sul divano fino a quelli che semplicemente corrono e giocano. Ma perché le visualizzazioni schizzano alle stelle di fronte a questo animale? Qual è il suo potere magico? Secondo una ricerca dell'Indiana University Media School, guardarli aumenta l'energia positiva e il buonumore. "Questi video hanno lo stesso effetto della pet therapy", spiegano gli studiosi.

Allo studio, pubblicato sulla rivista "Computers in Human Behaviour", hanno preso parte circa 7000 persone. Lo scopo della ricerca era dare una risposta alla seguente domanda: le persone si sentono in colpa per aver procrastinato i loro impegni dopo aver passato del tempo ad ammirare sullo schermo questi animaletti pelosi oppure sentono una sensazione di benessere? I dati raccolti hanno mostrato che la maggior parte dei volontari riusciva a sentirsi meno ansiosa, annoiata e triste dopo aver visto uno di questi video online.

Le emozioni positive date dalla breve visione dei filmati avrebbero come effetto anche quello di alleggerire le sensazioni negative, come il senso di colpa

M5s: i deputati silurano la luogotenente di Casaleggio, non basta lo scudo del Direttorio

"Se la mandate via me ne vado con lei". Gianroberto Casaleggio aveva ragionato a lungo una settimana fa con i suoi interlocutori nella sua trasferta romana. Molte le sfumature, ma il messaggio era stato chiaro. La scelta dello staff comunicazione spetta a Milano, e solo Milano può decidere chi lo deve guidare. Invece da settimane i fucili di mezzo gruppo della Camera erano puntati contro Ilaria Loquenzi, subentrata un anno fa a Nicola Biondo. Lamentele sulla poca visibilità concessa ad alcuni deputati, insoddisfazione per la gestione generale del gruppo.


Un braccio di ferro durissimo, che aveva portato il guru e Beppe Grillo a firmare un laconico quanto eloquente post appena 15 giorni fa: "Per il lavoro svolto in questi mesi nell'ambito della comunicazione esprimiamo le nostre congratulazioni a Rocco Casalino e Ilaria Loquenzi con l'augurio di continuare la strada iniziata a partire dalle prossime sfide". Quattro righe apparentemente inspiegabili, che celavano lo scontro all'arma bianca che era esploso dietro le quinte.

Al punto che, spiegano alcune fonti dello staff, al capo della comunicazione di Montecitorio era stato rinnovato il contratto solo per un mese, in attesa che la questione si dirimesse. Oggi un passo fondamentale di una vicenda che è tutt'altro che finita. In assemblea (a ranghi ridotti), è arrivato quello che è un vero e proprio voto di sfiducia: in 26 hanno chiesto la testa della Loquenzi, solo in 18 l'hanno difesa.

Non è stato sufficiente che l'intero Direttorio si schierasse al suo fianco. Chi era presente la riunione racconta che tra i critici più accesi si sono espressi Fabiana Dadone, Francesca Businarolo e Giorgio Sorial. Nomi pesanti nell'economia del Movimento, essendo rispettivamente la capogruppo appena cessata, l'attuale leader dei pentastellati a Montecitorio, e colui che le subentrerà fra circa un mese

Rivolta M5S: l’assemblea boccia la responsabile della comunicazione alla Camera

Niente rinnovo del contratto per Ilaria Loquenzi. Il rapporto con i media resta il vero nervo scoperto della creatura politica di Grillo e Casaleggio


L’assemblea dei deputati del M5S ha votato contro il rinnovo del contratto del capo della comunicazione alla Camera, Ilaria Loquenzi. Nonostante durante l’incontro della settimana scorsa Gianroberto Casaleggio avesse ribadito che né la sua posizione né quella di Rocco Casalino, suo omologo al Senato, fossero in discussione, i parlamentari del M5S hanno deciso per la bocciatura. Il punto è semplice: la Casaleggio Associati ha l’ultima parola sulla selezione del personale che si occupa della comunicazione, ma dato che gli stipendi vengono erogati dal gruppo parlamentare è l’assemblea a decidere sui contratti. E stavolta, smentendo Casaleggio, ha deciso per il no. 

Nei minuti immediatamente successivi al risultato il Movimento ha cercato di stendere un cordone sanitario attorno alla notizia. In tempo reale sulla chat dei deputati arriva perentorio l’ordine dell’ufficio della comunicazione: non rilasciare dichiarazioni sul voto appena consumato. Ma la tensione è altissima. Roberta Lombardi, prima capogruppo del Movimento alla Camera, abbandona la conversazione comune. La sua è una delle poche voci a filtrare. «Inutile parlare di Mafia capitale, domani i giornali non parleranno d’altro», ha scritto lasciando la conversazione comune. 

Se ora Ilaria Loquenzi dovesse lasciare l’incarico si tratterebbe del terzo responsabile della comunicazione sostituito dal Movimento in 2 anni di legislatura, dopo gli addii di Caris Vanghetti, che aveva deciso di lasciare l’incarico di sua sponte, e del suo successore, Nicola Biondo,

Casaleggio riunisce il direttorio: obiettivo le elezioni a Roma e fare della Sicilia la prima regione a 5 Stelle

Gianroberto Casaleggio arriva alle 12.00 a Montecitorio. Si infila nell'ufficio di Luigi Di Maio, al primo piano, due passi dalle stanze di Laura Boldrini, una statua bronzea di Poseidone a fare da guardia nell'anticamera. Cinque ore senza soluzione di continuità. Riemerge solo alle 17.00, sale su un pulmino con l'intero staff della comunicazione e Pietro Dettori, direzione Termini dove un treno lo riporterà a Milano.

Quando esce si concede ai giornalisti giusto il tempo del tragitto fino all'ascensore. "Partecipiamo alle prossime politiche per vincere - si dice sicuro - C'è ottimismo soprattutto per il futuro, ma su quando si andrà alle urne dovete chiederlo al Pd". Non è in corso nessuna discussione sulla squadra: "Noi vorremmo sviluppare i temi più che la squadra - afferma - Stiamo pensando ad una proposta di governo con i temi che sono già riassunti nei punti di programma". Luigi Di Maio potrebbe essere il candidato premier? "La scelta la farà il Movimento". Non è la stessa porta chiusa in faccia a chi gli chiedeva una deroga per Alessandro Di Battista, anzi.

Ma è più su Roma che sulle prossime elezioni che il guru ha ragionato con il Direttorio riunito al completo. "Dobbiamo prepararci al voto - il ragionamento di Casaleggio - non mollare la pressione che stiamo esercitando con successo su questo argomento". Archiviato il tema di Di Battista sindaco, la convinzione dei vertici del M5s è comunque quella che Matteo Renzi stia lavorando speditamente per far dimettere Ignazio Marino. E che la sfida che si prefigurerebbe nel 2016 è un'occasione imperdibile per arrivare quantomeno a giocarsi la vittoria al ballottaggio. Per adesso il nome che circola con più insistenza è quello di Marcello De Vito,

MINISTRI X UN GOVERNO A 5 STELLE

Il sito del governo italiano http://www.governo.it/Governo/Ministeri/ministri_gov.html elenca i ministeri, i MINISTRI ed i relativi SOTTOSEGRETARI..

Tutti personaggi di scarso livello politico, per non dire di peggio...

Vediamo quale potrebbe essere una SQUADRA DI MINISTRI E SOTTOSEGRETARI A 5 STELLE

Fate anche voi le vostre proposte

Presidente del Consiglio dei Ministri

                      http://www.beppegrillo.it

o candidato scelto tramite primarie
Sottosegretari di Stato alla Presidenza del Consiglio

Scelti tramite primarie

Accorpiamo i primi 3 ministeri 

Riforme costituzionali - pubblica amministrazione - autonomie

                           https://www.youtube.com/watch?v=SlimfF0nU-o
                           https://www.youtube.com/watch?v=_38857O0sU0

                               https://www.youtube.com/watch?v=IVt8gpGJ8DI
                               http://www.fupress.com/catalogo/democrazia-partecipativa/1944
                               http://www.fupress.com/archivio/pdf/3951.pdf

                                https://www.youtube.com/watch?v=-8yy6_8qMf4

                            https://www.youtube.com/watch?v=fUkTNhUkxCs
                            https://www.youtube.com/watch?v=awzOGcKLkus

                             https://www.youtube.com/watch?v=F165h2ZQvTM

                           https://www.youtube.com/watch?v=CqNXmyotGB8

                                http://www.tni.org/archives/reports_newpol_allegretti-herzberg
                                 http://www.azionelocale.net/2009/02/24/giovanni-allegretti/


Affari Esteri e Cooperazione internazionale

                                     https://www.youtube.com/watch?v=Chv_XujU9Uc

                                 https://it.wikipedia.org/wiki/C'era_una_volta_(programma_televisivo)
                                 https://www.youtube.com/watch?v=GPCNq-T7yDY


Ministro dell'Interno


                       https://www.youtube.com/watch?v=SE4OUbBnCtg

                                    http://www.alessandrocarluccio.onweb.it/
                                    


Giustizia 

                                   https://www.youtube.com/watch?v=4k5YGvGiy8c

                            https://www.youtube.com/watch?v=sXbXsFBsrpU
                            https://www.youtube.com/watch?v=nQaWH8NogHA


Salvatore Cosentino https://www.youtube.com/watch?v=h_X263o7A8w               

Difesa

                   https://www.youtube.com/watch?v=M04hxjogebY



Fabio Piselli

Accorpiamo i 2 seguenti ministeri

Economia e Finanze/Sviluppo Economico

                          

                                 http://www.macrolibrarsi.it/autori/_salvatore-tamburro.php
                                 http://salvatoretamburro.blogspot.it/

                           https://www.youtube.com/watch?v=6_pE9RFDALA
                           https://www.youtube.com/watch?v=2wHWy8J6kgc
                           http://www.sovranitamonetaria.it/articles.php?lng=en&pg=62

jeans aderenti danneggiano muscoli e nervi: ragazza in ospedale

SYDNEY - Fari puntati sui jeans modello 'skinny'. Molto aderenti, quasi una seconda pelle, sono diventati uno dei must dell'abbigliamento femminile e non solo.
Ma in certi casi rischiano di danneggiare seriamente i muscoli e nervi.

E' il caso descritto sul 'Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry' dai medici del Royal Adelaide Hospital and Department of Medicine in Australia, dove una donna di 35 anni è stata ricoverata in ospedale con gravi problemi alle gambe, dovuti secondo i sanitari proprio all'effetto costringente dei jeans aderenti con cui aveva fatto un trasloco stando per molto tempo accovacciata.

La donna, che alla fine della giornata non riusciva più a camminare, per i medici aveva sviluppato una condizione definita sindrome compartimentale: la pressione tissutale aumenta e diminuisce la perfusione sanguigna.

Il sangue, in altre parole, non riesce a circolare bene né ad arrivare dove dovrebbe. Questo stato provoca tumefazione dei muscoli, con dolore e gonfiore delle parti interessate

Il corretto modo di andare a CAGARE...

La biologa Giulia Enders spiega nel suo libro “Charming Bowels” perché fare la cacca da seduti non porta nessun beneficio. La giusta posizione da assumere per evacuare in maniera efficace e veloce è quella dello squat, ovvero rannicchiati.


Non è un problema di pochi quello relativo alla… cacca. Secondo Giulia Enders, dottoranda in biologia medica, il problema risiederebbe proprio nella classica e più conosciuta posizione adottata in occidente: quella da seduti. Come mette in evidenza il Guardian nella recensione dell’opera, il modo migliore per evitare la costipazione interna è mettersi in posizione di squat: tenendo sollevate le gambe, ovvero nella stessa posizione che assumiamo quando ci troviamo di fronte a una turca.

Il meccanismo di chiusura dell’intestino non è progettato per “aprire lo sportello completamente” quando siamo seduti: è come un tubo piegato. E quindi lo squat è molto più naturale e mette meno pressione sul nostro fondoschiena. L’autrice, difatti, segnala che 1,2 miliardi di persone nel mondo che utilizzano lo squat hanno meno probabilità di soffrire di diverticoli e meno problemi di emorroidi.


Per chi non rinuncia a stare seduto c’è uno stratagemma: basta appoggiare i piedi su uno sgabello e piegare la schiena in avanti.

Il nostro corpo è dotato di due sfinteri: uno esterno (quello che tutti conosciamo) e uno interno, gestito inconsciamente. È proprio quest’ultimo a decidere se è il caso o meno di aprirsi, poichè è dotato di un sensore interno. Quando ad esempio si è in un luogo non conosciuto o sul posto di lavoro fa in modo che non ci sia abbastanza rilassatezza per potersi aprire

Facebook: con See First per primi i post degli amici.

 Cox: “Continueremo su questa strada”

 di Marta Serafini

Il rumor arriva da Oltreoceano, la conferma rimbalza sulla Croisette ai Cannes Lions. News Feed, la piattaforma di Facebook che comanda le nostre bacheche, cambia ancora. L’aveva anticipato Tech Crunch, sito specializzato che ha pubblicato un’anteprima della nuova funzione, i post dei nostri amici più cari saranno visibili in preview e saranno collocati in alto nella bacheca. See First (vedi prima), il nome della novità. E lo conferma al Corriere della Sera Chris Cox, Chief Product Officer e numero tre di Facebook (sopra, nella foto), presente alla kermesse della pubblicità di Cannes. “Sì, a breve inizieremo la sperimentazione in questo senso”, spiega. In pratica sui nostri profili comparirà un nuovo tasto che permetterà agli utenti di indicare quali contatti vorranno tenere più sott’occhio andando così a modificare i contenuti che compaiono per primi quando si apre il proprio profilo. Inoltre sarà possibile avere un anteprima di questi contenuti “privilegiati”. “Non ci fermeremo qui”, continua Cox dopo aver mostrato alla platea una foto di Marshall McLuhan in versione futurista alle prese con gli Oculus. “News Feed è un laboratorio il cui obiettivo è di avvicinare sempre di più le persone e ci lavoriamo ogni giorno”.

Un nuovo cambiamento dunque, dopo che nei giorni scorsi da Menlo Park hanno annunciato ufficialmente di aver deciso di far dipendere il posizionamento dei post in bacheca anche dal tempo di lettura dedicato a un contenuto, oltre che dai like e dai commenti. Già, perché se di algoritmo si parla, sono state molte le critiche di chi ha accusato Facebook di far dipendere troppo da clic ed esigenze degli inserzionisti  il ranking (punteggio) che News Feed attribuisce a un determinato contenuto

Jeans skinny: pericolosi per la salute di muscoli e nervi

A lanciare l'allarme sono stati i medici dell'ospedale di Adelaide, in seguito al caso di una donna collassata e ricoverata per quattro giorni

Aveva passato diverse ore in posizione accovacciata per pulire armadietti e aiutare un'amica per un trasloco, quando è collassata perdendo ogni forza nelle gambe. E quanto accaduto a una donna 35enne di Adelaide, in Australia, subito condotta in ospedale e ricoverata per quattro giorni. Tutta colpa dei jeans "skinny" super aderenti, hanno detto i medici, che provocano seri danni a muscoli e nervi. Il caso della cosiddetta "paziente vittima della moda" è stato descritto sul Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry http://jnnp.bmj.com/content/early/2015/05/27/jnnp-2015-310628.extract?sid=01fa8a58-e6ed-4a9b-9dc6-00525d1556ee

I medici dell'ospedale di Adelaide hanno dovuto tagliare i jeans per poterla trattare. "Abbiamo osservato con sorpresa che la paziente aveva subito danni tanto severi ai nervi e ai muscoli", hanno dichiarato. "A causa della prolungata posizione accovacciata, si era del tutto interrotta la circolazione del sangue nei muscoli dei polpacci e di conseguenza la donna ha sofferto la compressione di due dei nervi maggiori delle gambe", riferisce il neurologo Thomas Kimber, che ha seguito il caso.

Primo caso di lesioni sotto il ginocchio - La lesione ai muscoli del polpaccio ha causato il rilascio di alcune proteine nel flusso sanguigno e la donna ha dovuto essere sottoposta a fleboclisi per eliminarle e prevenire danni ai reni

Francia: supermercati obbligati a dare cibo invenduto in beneficenza

Ieri, durante un’assemblea del parlamento francese, si è deciso di limitare lo spreco di cibo nelle grandi catene di supermercati creando una legge per vietare la distruzione dei prodotti non venduti. “È scandaloso vedere tutti gli alimenti che finiscono buttati quando potrebbero essere ancora consumati”, ha affermato Guillaume Garot.

Con il nuovo decreto, i grandi supermercati saranno obbligati a donare tutti i prodotti alimentari non venduti in beneficenza, o per nutrire gli animali

Penoso EXPO Milano: COOP simbolo della decadenza culturale mondiale

Sono stato all'Expo



Nella mia vita ho frequentato diversi eventi, negli ultimi 10 anni di attivismo ne ho frequentati tantissimi, mai ho trovato un evento cosi CULTURALMENTE POVERO come l'Expo di Milano.

L'umanità con questo evento ha toccato il fondo, il lato buono è che, se non cominciano a scavare, possiamo solo rialzarci....

Per capire quanto culturalmente infimo è l'Expo di Milano basta solo citare il fiore all'occhiello della fiera universale... il Future Food District: in pratica il 95% dell'area cibo del futuro è uno squallidissimo supermercato COOP dove si può addirittura fare la spesa!

Il restante 5% sono 3 piccole strutture: una con scorpioni ed insetti impacchettati pronti alla vendita, una con delle povere zolle di insalate in verticale e l'ABERRANTE ultima con una coltivazione, sempre in verticale, di alghe che ricorda gli umani usati come pile in matrix....

mercoledì 24 giugno 2015

Bella ciao in tutto il mondo

Bella ciao è un canto popolare antifascista italiano, nato nell'Appennino Emiliano prima della Liberazione, diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza perché fu idealmente associato al movimento partigiano italiano.

Bella ciao è una canzone folklorica cantata dai simpatizzanti del movimento partigiano italiano durante e dopo la seconda guerra mondiale, che combattevano contro le truppe fasciste e naziste. La circolazione di Bella ciao, durante la Resistenza è documentata e sembra circoscritta soprattutto in Emilia, fra l'Appennino Bolognese e l'Appennino Modenese, dove si dice che fu scritta da anonimi partigiani.[senza fonte]
Il ricercatore bolognese Gianfranco Ginestri ha dichiarato all'Archivio Storico-Musicale del Canzoniere delle Lame di Bologna (con sede nella Biblioteca Comunale delle Lame, in Via Marco Polo 21-13) che il suo amico cantautore politico Ivan della Mea, poco tempo prima di morire, gli disse che aveva scoperto che Bella Ciao probabilmente era nata sull’Appennino Bolognese, dopo la disfatta della Repubblica partigiana di Montefiorino (Modena), quando i partigiani del Comandante Armando si trasferirono verso est, mescolandosi in altre formazioni partigiane locali, tra i paesini di Castelluccio Modenese e Castelluccio Bolognese, entrambi vicini a Gaggio Montano e Corno alle Scale, dove operavano i partigiani di Giustizia e Libertà (col futuro avvocato bolognese Checco Francesco Berti Arnoaldi Veli e col futuro famoso giornalista Enzo Biagi

martedì 23 giugno 2015

Big Major Cay/Bahamas: l'isola dei maiali liberi

A Big Major Cay, un'isola delle Bahamas, il colore predominante è il rosa. Non parliamo di suadenti sfumature con cui la sabbia dipinge la riva, ma di tondi, adorabili e simpatici maiali, che camminano ondeggiando sul bagnasciuga grugnendo ogni tanto di piacere. I teneri e socievoli maialini abitano da tempo immemore i lidi dorati dell'isola e trascorrono le giornate tra i raggi del sole e le trasparenze delle acque turchesi.


La spiaggia, a cui è stato dato il nome di Pig Beach, e i suoi abitanti devono la notorietà a Eric Cheng, un fotografo professionista specializzato in subacquea cresciuto a San Diego ma originario del vietnam. Tutto ebbe inizio nel 2003, quando a Jim Abernety, suo compagno di avventure, era giunta la voce dell'esistenza dei suini "nuotatori". I due decisero così di verificare personalmente l'improbabile notizia, che, invece, si rivelò vera: i maiali di Big Major Cay adoravano davvero nuotare.



"Una volta raggiunta la spiaggia di sabbia bianca è stato facile individuare i maiali - dice Cheng- e quando gli abitanti portano loro del cibo i maiali si tuffano e nuotano fino alle barche in arrivo, come per salutare. E 'abbastanza strano vedere i maiali in giro sulle spiagge tropicali di sabbia bianca, ma vederli tuffarsi in acqua per salutare le barche in arrivo è semplicemente bizzarro".




Cheng e il suo team hanno fatto moltissime foto con i maiali, tanto da renderli molto popolari in tutto il mondo. Ma che ci fanno in questo paradiso tropicale?

Gmail: il pulsante “Annulla” per fermare l'invio dei messaggi diventa ora ufficiale

Presente tra le impostazioni "Labs" fin dal 2009, il pulsante "Annulla" per fermare l'invio dei messaggi su Gmail diventa ora una funzionalità ufficiale.

A chi non è mai successo di inviare per sbaglio una email al destinatario sbagliato, magari ingannato dal nome simile a quello corretto? Un errore che può essere dettato dalla fretta, risolvibile con un secondo messaggio di scuse nel migliore dei casi oppure evento capace di scatenare un vero e proprio incidente diplomatico nella peggiore delle ipotesi. Per evitare situazioni di questo tipo, nel 2009 Google ha introdotto http://www.webnews.it/2009/03/20/annullare-linvio-di-posta-con-gmail/ tra le opzioni sperimentali di Gmail il pulsante “Annulla”.

Come dice il nome stesso, si tratta di un link che, se cliccato, permette di fermare la spedizione dell’email, anche dopo il suo invio. Una sorta di ultima ancora di salvezza, visualizzata per alcuni secondi come mostrato dallo screenshot allegato di seguito. Oggi, dopo oltre sei anni trascorsi nella sezione “Labs” delle impostazioni, la funzionalità diventa ufficiale. Nulla di rivoluzionario, ma una buona occasione per segnalare la feature a tutti coloro che ancora non la conoscono. Dal punto di vista tecnico, va precisato che il messaggio non viene ripescato dal server del destinatario, ma è la piattaforma di Gmail a posticiparne l’effettiva spedizione per il tempo necessario a consentirne l’annullamento.

Accedendo alle impostazioni di Gmail https://mail.google.com/mail/u/0/#settings/general è possibile scegliere per quanto tempo visualizzare il pulsante “Annulla” in seguito all’invio, tra 5, 10, 20 e 30 secondi

Nuova Zelanda: animali esseri senzienti

Riconosciuto lo stato di “Esseri senzienti” agli Animali e vietato il loro utilizzo per la sperimentazione di prodotti cosmetici! Il Presidente dell'Associazione Veterinari della Nuova Zelanda, il dottor Steve Merchant, ha dichiarato che il disegno di legge è uno strumento che fornisce maggiore chiarezza, trasparenza e migliore applicabilità delle leggi sul benessere degli animali

Un nuovo emendamento alla legge sul benessere animale in Nuova Zelanda riconosce agli animali il loro stato di “Esseri Senzienti” ciò che chi si prende cura degli 'animali domestici' e scienziati ha riconosciuto ormai da anni.

L'emendamento, che è passato in votazione lo scorso martedì, afferma che gli animali, come gli esseri umani, sono esseri "senzienti".

"Dire che gli animali sono “senzienti” vuol dire affermare esplicitamente che possono vivere emozioni sia positive che negative, compresi il dolore e l'angoscia", ha dichiarato la dott.ssa  Virginia Williams, presidente del Comitato Nazionale Animal Ethics Advisory.

"Questo importantissimo riconoscimento segna un altro passo nel cammino del benessere degli animali."

Il disegno di legge vieta anche l'utilizzo degli animali per la sperimentazione di prodotti cosmetici.