lunedì 22 dicembre 2014

Dopo le uova, i cerali ed il latte di capra anche i funghi sono frutta? OVVIAMENTE NO!

In rete girano analisi pseudo animaliste, pseudo religiose ma sopratutto pseudo scientifiche riguardo i funghi, queste pseudo analisi fanno girare diversa disinformazione su cosa sono i frutti e, di conseguenza, su cosa è il fruttarismo...

.. è NECESSARIA quindi una breve analisi riguardo i funghi e sul perchè IL FUNGO NON è UN FRUTTO... è incredibile ma bisogna puntualizzare pure questo...

Con tutte le ENORMI pecche dettate dalla specializzazione del sapere in TOTALE assenza di MULTIdisciplinarietà in ambito universitario non arriverebbero neanche sotto stress o sotto minaccia a coniare bestialità del tipo che uova, latte, cereali, funghi sono FRUTTI...qualcuno, sempre in ambito alternativo, ha anche osato dire che gli animali sono frutti della terra..
..all'università si rotolerebbero facendo delle LIPIDICHE risate se dovessero incappare nelle suddette definizioni.




Una precisazione terminologica (sui funghi):
il fungo che si usa normalmente è composto da una parte radicale (analoga delle radici, da cui appunto si nutre, detto anche corpo ipogeo, cioè sotterraneo), e da una parte aerea (gambo e cappello, analoghi rispettivamente del fusto e della chioma aerea, detti anche corpo sporifero, in quanto il cappello produce le spore, che escono da appositi fori posti sulla parte bassa del cappello stesso).
Ora, per quanto riguarda il corpo sporifero (sporifero significa, appunto, "portatore di spore", da "fero"= portare), non bisogna farsi confondere da un gergo botanico antico e del tutto inesatto, che lo chiamava con la dizione non solo fuorviante, ma addirittura del tutto opposta, "corpo fruttifero" [infatti il termine "fruttifero" significa "portatore di frutta"

domenica 21 dicembre 2014

Il tema di Expo Milano 2015: “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Dallo stato di avanzamento dei lavori in cantiere alle prime anticipazioni sulla cerimonia di inaugurazione di Expo Milano 2015. Dalle esperienze che potranno vivere i 20 milioni di visitatori attesi alle più importanti celebrità che hanno deciso di sostenere l’Esposizione Universale. A 133 giorni dall’apertura, il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala, questo pomeriggio, ha illustrato il percorso compiuto fino ad oggi e le coinvolgenti iniziative che vedranno protagonisti i Paesi, le Organizzazioni Internazionali e della Società Civile, insieme ai cittadini, durante i sei mesi dell’evento. Un racconto dettagliato, suddiviso per punti, che ha permesso di presentare i risultati raggiunti e dare le risposte che il comune cittadino si pone in attesa del 1° maggio 2015, annunciando interessanti novità.
ARTS&FOODS DA’ IL VIA AL VIAGGIO NEL TEMA DI EXPO 2015
• Il viaggio nel tema di Expo Milano 2015, “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, avrà inizio l’8 aprile, con l’apertura dell’Area Tematica “Arts & Foods”, in Triennale.
• La mostra dedicata al rapporto tra le arti e le diverse rappresentazioni del cibo sarà fino alla fine di Ottobre.
EXPO BY DAY E EXPO BY NIGHT
Il sito espositivo sarà aperto dalle 10 del mattino alle 23 di sera, ogni giorno della settimana.

Expo 2015: venduti 7,2 milioni di biglietti

Il commissario unico del governo per Expo 2015, Giuseppe Sala, ha detto che ad oggi la società organizzatrice ha venduto 7,2 milioni di biglietti per l'ingresso alla manifestazione, oltre 2 milioni di biglietti in più dei 5 previsti nei piani in passato. Un risultato, ha spiegato, ottenuto attraverso la sottoscrizione di oltre 100 contratti con grandi operatori che non li hanno ancora tecnicamente pagati, ma hanno fornito fidejussioni bancarie.

«La situazione è buona, a quattro mesi dal via siamo a un terzo dei biglietti venduti anche grazie alla tecnologia digitale»

Expo Milano 2015, in arrivo cinquemila assunzioni

CUOCHI, manager, interpreti, hostess, steward, addetti all’allestimento stand per i padiglioni dei Paesi sono alcune delle figure ricercate

di Irene Consigliere

Cuochi, sommelier, manager e vicedirettori di padiglioni, baristi, hostess, steward, elettricisti, camerieri, ma anche interpreti, guide turistiche, addetti alla sicurezza, alla cassa, all’allestimento di stand e all’accoglienza presso i Padiglioni dei Paesi. Sono cinquemila e duecento le nuove posizioni di lavoro aperte per Expo Milano 2015. Lo ha annunciato Giuseppe Sala, commissario unico di Expo 2015

Silenzioso e sprezzante con gli agenti Il detenuto Carminati rifiuta il cibo

«Più spavaldo di Fabrizio Corona», racconta un agente che ha conosciuto entrambi

di Fabrizio Caccia


Quinta sezione, reparto Primi Ingressi, Regina Coeli: in una cella singola di dodici metri quadrati sta ormai da otto giorni Massimo Carminati. «Più spavaldo di Fabrizio Corona», racconta un agente che ha conosciuto entrambi. 

Quando si è trovato davanti al pubblico ministero Paolo Ielo, subito dopo l’arresto, Carminati l’aveva guardato in faccia con un sorriso freddo,

Luca Morisi dietro il 'fenomeno' Salvini: il popolo sta su facebook e noi andiamo a prendercelo

Luca Morisi è lo spin doctor che sta curando l’offensiva mediatica della nuova Lega: «Ci concentriamo su Facebook, il popolo è lì»

 Il colpo di fulmine, racconta, è scattato quando ha visto Matteo Salvini armeggiare col suo iPad durante una puntata di Porta a Porta, con gran sconcerto di Bruno Vespa. «Lo seguivo dai tempi della “fatwa” di Bossi contro Maroni ma è stato in quel momento che ho capito che al di là della fascinazione politica Matteo rappresenta un “modello” straordinario anche sul piano accademico e professionale. Io studio i media e la rivoluzione digitale e in questo momento chi è “fenomeno mediatico” più di Salvini? ». Se è così, e lo è da almeno sei mesi a questa parte, il merito è anche di Luca Morisi, mantovano, professore a contratto dell’università di Verona, nelle cui aule tiene un corso di «Informatica filosofica»,

Traffico d’armi: ex deputato di Forza Italia arrestato in Montenegro


Le accuse sono pesantissime. Terrorismo e cospirazione finalizzata all’uccisione di cittadini americani. Reati per cui l’ex deputato italiano Massimo Romagnoli è stato arrestato a Podgrica, in Montenegro, insieme a due cittadini romeni (tra cui uno con importanti cariche nel governo di Bucarest) con l’accusa di traffico d’armi a favore delle «Forze armate rivoluzionarie colombiane» (Farc), tra i maggiori produttori ed esportatori mondiali di cocaina. Come riporta l’agenzia rumena Mediafax, ad annunciare il provvedimento giudiziario sono stati il procuratore del distretto di New York Preet Bharara e il direttore della Dea

Ustica: una nuova ipotesi sulla caduta dell'aereo



L'intervista al professor Agostino De Marco, uno degli ingegneri della Federico II di Napoli che ha presentato una simulazione 3d della traiettoria della caduta dell'aereo sulla base delle nuove teorie

di Francesco Celardo

Un’altra possibile verità emerge sulla tragedia di Ustica: l’aereo cadde in acqua integro senza quindi esplodere in aria. A sostenere la nuova tesi su come possa essere finito in mare il DC9 dell’Itavia è stato uno studio condotto dai professori Agostino De Marco e Leonardo Lecce dall’Università Federico II di Napoli, dipartimento di Ingegneria industriale,

L'ex Nar Ciavardini: dalla strage di Bologna a Miss Italia

L'intervista a Germana De Angelis, moglie dell’ex Nar oggi in semilibertà: "ecco cosa facciamo nelle carceri di Frosinone Roma e Sulmona"

di Claudia Di Pasquale

In un’intercettazione tra l’imprenditore Mario Zurlo e il braccio destro di Massimo Carminati, Riccardo Brugia, salta fuori il nome di Luigi Ciavardini, l’ex Nar condannato a 30 anni per la strage di Bologna, oggi semilibero. Zurlo racconta “l’altro giorno è passato Luigi (Ciavardini,

PEC: Posta Elettronica Certificata

Da qualche anno siamo ufficialmente entrati nell’era digitale, caratterizzata dalla presenza delle nuove tecnologie nella vita di tutti i giorni. La tecnologia è al nostro servizio e ci supporta per semplificare attività e compiti che una volta richiedevano tempo e dispendio di energie. Pensiamo alla semplicità con cui si può comunicare con una persona che si trova dall’altra parte del mondo: basta una connessione ad internet, un pc o uno smartphone e i limiti geografici e temporali vengono facilmente superati.

Ma l’applicazione delle tecnologie nella vita di tutti i giorni ha anche delle conseguenze per quanto riguarda il risparmio di tempo, risorse ed energie.

Pensate alle lunghe code che avete fatto per sbrigare pratiche amministrative: grazie ad esempio all’Identità Digitale sarà possibile per i cittadini accedere online, in modo facile e sicuro, alle informazioni, alle pratiche, ai fascicoli e a tutti gli strumenti messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione o dai privati.

Un altro strumento che ha dei vantaggi per il cittadino in termini di risparmio di tempo e costi è la PEC, il servizio di Posta Elettronica Certificata attraverso il quale è possibile inviare email con valore legale

Mondragon, il portiere della Colombia che è diventato il più anziano di tutti i Mondiali

Il primato del camerunense Roger Milla (in campo a 42 anni) è caduto: il colombiano ha compiuto 43 anni il 21 giugno e contro il Giappone ha stabilito il nuovo record

di Enrico Gaviano

Il primato di Roger Milla è in crollato. Il nonno del Mondiale, l’attaccante del Camerun che ha giocato nella fase finale della rassegna iridata a 42 anni compiuti, è stato scalzato dal colombiano Faryd Mondragon.

Il ct argentino dei cafeteros, Josè Pekerman,

sabato 20 dicembre 2014

Kazu Miura rinnova: a 48 anni è il calciatore più maturo in attività

L’ex attaccante del Genoa, primo giapponese in A, giocherà sino a 48 anni nella serie B giapponese

“KING KAZU” RESTA SUL TRONO

Ma a dispetto dei 47 anni suonati (è nato nel 1967, come Roberto Baggio e Paul Gascoigne), “King Kazu”, come lo chiamano ancora oggi in Giappone mentre da noi in Italia era semplicemente “Kazu”, non ha alcuna intenzione di abdicare

venerdì 19 dicembre 2014

Resoconto Betting Exchange Tour: Firenze

La prima tappa del Betting Exchange Tour di Firenze ha avuto un resoconto molto positivo sia per l'affluenza di pubblico ( di cui oltre il 90% era costituito da trader), che per l'interesse mostrato dai partecipanti con le numerose domande giunte durante tutto l'evento ai relatori riguardanti il betting exchange e il trading sportivo.
Si ricorda che la tappa di Firenze del Betting Exchange Tour si è tenuta sabato 29 novembre 2014 dalle ore 14.45 alle ore 19.30 presso il Boscolo Hotel Astoria.
La giornata ha avuto inizio con la presentazione e alcune interessanti osservazioni sul trading sportivo da parte di Giuseppe di Vittorio, stimato giornalista della redazione di Class Editori.

La prima parte è stata introdotta dal Presidente di Assotrader Leonardo Gioacchini che ha evidenziato le potenzialità del trading sportivo e i suoi vantaggi rispetto a quello tradizionale.
L'illustrazione di un ladder verticale di un mercato reale ha visto l'enorme interesse dei partecipanti che hanno fatto diverse domande, cercando di capire nel dettaglio le dinamiche di movimento delle quote, e come si fa scalping nel betting exchange

giovedì 18 dicembre 2014

Entrate non tributarie: ed il bilancio partecipativo statale dov'è ?

Tra le entrate non tributarie si ricordano quelle che lo stato può procurarsi mediante:

emissione di moneta;
alienazione di cespiti patrimoniali;
emissione di debito pubblico

Il Bilancio Italiano: perchè non è deciso col BILANCIO PARTECIPATIVO ?

Nel 2012 le ENTRATE dello Stato sono state 764 miliardi.

Le USCITE (spesa pubblica) sono state  800 miliardi divisi in (fonte: DEF 2012 - da Ballarò del 08/01/2013):

250 miliardi di pensioni + 62 miliardi altre spese sociali (sussidi, cassa integrazione, maternità ecc.)
135 miliardi di acquisto di beni e servizi (di cui 70 miliardi per sanità)
167 miliardi di stipendi dipendenti pubblici (inclusi 70 miliardi di sanità)
86 miliardi di spesa per interessi
Entro fine 2013 l'Italia dovrà raggiungere l'equilibrio di bilancio (ENTRATE = USCITE)

Quindi:

Chi dice che abbasserà le tasse DEVE dire che taglia la spesa, altrimenti incrementerà il debito pubblico sulle spalle di chi viene dopo, ossia, i giovani. Chi dice che taglia la spesa deve dire come, di quanto e cosa vuole tagliare.
Le entrate si aumentano principalmente con nuove tasse, lotta alla corruzione e all'evasione fiscale, aumento del PIL (di conseguenza se il PIL cala, calano le entrate).
Le uscite si riducono principalmente con tagli alla sanità, alle pensioni, ai servizi, agli interessi sul debito, con la lotta alla corruzione e all'evasione fiscale

ANALISI DEL BILANCIO ITALIANO: perchè le USCITE non sono decise col BILANCIO PARTECIPATIVO ?

Si parla tanto del bilancio dello Stato, dei conti dello Stato italiano, di come vengono spesi i soldi, di debito pubblico, di sprechi... Avete mai pensato di rilevare con i vostri occhi in che modo lo Stato italiano investe le entrate al fine di sostenere i costi della "cosa pubblica" ?

Ho individuato sul sito del Ministero dell'Economia e delle Finanze il conto economico previsionale per gli anni 2011, 2012, 2013, 2014. Poichè il documento risale ad ottobre 2011, ho ritenuto prendere in considerazione il bilancio 2011, sul quale la componente previsionale era sicuramente inferiore.

Cominciamo dalle entrate !

ENTRATE                                           Mln€ Peso

ENTRATE CORRENTI                     412.185 91,56%

Imposte dirette                                     236.846 52,61%

                                          IRE      181.658 40,35%
                                          IRES        40.103 8,91%

Imposte indirette                             174.055 38,66%

                                          IVA       98.205 21,81%

lunedì 15 dicembre 2014

Estonia: arrestato il giornalista Giulietto Chiesa

Secondo quanto comunica la moglie , la giornalista Fiammetta Cucurnia si tratta di un fermo di 48 ore che anticipa l’espulsione dal Paese baltico: ignoti i motivi

Giulietto Chiesa è stato arrestato dalle autorità estoni al suo arrivo a Tallin, la capitale del Paese Baltico. Il giornalista ed ex deputato europeo si trovava lì per partecipare a una conferenza. Secondo la moglie, la giornalista Fiammetta Cucurnia, si tratta di un fermo di 48 ore che anticipa l’espulsione dal Paese. Il provvedimento di fermo è stato notificato a Chiesa mentre si trovava in albergo. Secondo il suo avvocato Francesco Paola il giornalista potrebbe essere stato espulso perché persona non grata

Studente guadagna 72 MILIONI giocando in Borsa nella pausa pranzo..

L’incredibile storia di Mohammed Islam, 18enne di origine bengalese, che si è messo a fare il trader (con successo) durante la ricreazione

di Elmar Burchia

Non ha ancora compiuto 18 anni e non ha ancora finito il liceo. Ciò nonostante, Mohammed Islam, del Queens, ha già accumulato una fortuna valutata in oltre 72 milioni di dollari. Come? Facendo il trader durante le pause pranzo a scuola. Lo studente della Stuyvesant High School di Manhattan ha iniziato a giocare con i titoli in Borsa all’età di nove anni

venerdì 12 dicembre 2014

Scontri nel PD: la minoranza vuole andare al voto ?

Il sottosegretario apre il fuoco: «Noi vogliamo continuare». Renzi ribadisce:
«La legislatura finisce nel 2018» Ma D’Alema replica: «Non minacci i parlamentari»

Le repliche di D’Alema

In primo luogo è Massimo D’Alema a controbattere: «È stupefacente che una persona ragionevole come il sottosegretario Delrio, nel giorno in cui escono i dati della produzione industriale con l’ennesimo segno meno

Perquisita la casa di Gabriele Baldarelli, esponente del Coordinamento 9 dicembre: “Hanno detto che c’erano armi, qualcuno vuole distruggere il movimento”

A soli 2 giorni dalla grande manifestazione nazionale indetta dal Coordinamento 9 dicembre organizzato dinanzi a Montecitorio, la polizia perquisisce la casa del noto imprenditore Gabriele Baldarelli, esponente



del movimento il quale, dopo essersi accorto di esser seguito in auto da agenti in borghese, ha prima fermato gli agenti e poi è andato in questura a fare una dichiarazione spontanea

Consigli per risparmiare sul pieno

Se pensate che uno di questi sia: "Cercate il distributore più economico", avete sbagliato strada. Ecco gli accorgimenti tecnici più banali per beneficiare appieno delle potenzialità delle pompe di benzina

MEGLIO DI MATTINA — Fare rifornimento al mattino presto, quando temperature ambiente e del suolo sono più basse

giovedì 11 dicembre 2014

Il primo McFruit-3M della storia: 100% frutta!

Le immagini parlano da sole:


McFruit-3M 




BigFruit-3M





CheeseFruit-3M

Tesi di laurea: la democrazia ateniese. Un modello per la democrazia moderna

Autore: Andrea Tonellotto 

La mia tesi è l'analisi della democrazia ateniese dalle origini della civiltà greca (VIII secolo) alla conquista di Atene da parte dei romani (I secolo a.C.). La trattazione è divisa in tre parti: la prima riguarda la storia, la seconda gli aspetti istituzionali mentre la terza

Modelli a confronto: la democrazia ateniese e la cyberdemocrazia - tesi di laurea II livello (specialistica)

autore Riccardo Cristilli

Può la cyberdemocrazia essere un modello di democrazia diretta, paragonabile alla più famosa forma di democrazia diretta della storia, la polis ateniese?

mercoledì 10 dicembre 2014

Tesi di laurea: Aspetti teorico normativi della democrazia partecipativa e l'esperienza del bilancio partecipativo di Porto Alegre

autore Giancarlo Castiglioni

La democrazia partecipativa è un modello che è stato per troppo tempo dimenticato sia dai politici di professione sia dalla più parte degli scienziati sociali. I motivi di questa disattenzione attorno al tema in oggetto possono essere diversi ma forse quello più evidente è dovuto ad una sorta di pregiudizio endemico diffuso nel mondo intellettuale che induce a credere alla impossibilità di funzionamento concreto di modelli che divergono rispetto a quello della democrazia liberale e rappresentativa. L’intento primario che vorrei raggiungere con questa tesi quindi è quello di contribuire a riaprire il dibattito attorno alla democrazia partecipativa al fine di dimostrare che essa è possibile. Intento facilitato, forse, dal fatto che essa non viene qui vista come una alternativa alla democrazia liberale ma semmai come un suo sviluppo o, se si vuole, una sua correzione. La democrazia partecipativa poggia sui solidi pilastri della democrazia liberale costruiti da Locke, Montesquieu, Mill e altri illustri teorici che operarono qualche secolo fa. Nel corso dell’opera specificherò più volte questo aspetto in quanto coloro che hanno teorizzato modelli democratici partecipativi (fin dagli anni sessanta) non lo hanno sempre fatto in modo chiaro e

IL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI GROTTAMMARE

In tanti hanno espresso pareri anche discordanti sul risultato delle ultime elezioni politiche. Su un elemento, però, in molti hanno convenuto: i cittadini cominciano a essere stanchi di molte prassi di politica autoreferenziale in parte consolidatesi in Italia. Ecco, quindi, che può essere interessante raccontare, oggi, l’esperienza di un piccolo comune nell’utilizzo di uno strumento centrato sulla partecipazione: quella di Grottammare e del suo Bilancio Partecipativo (“BP”

Tesi di dottorato di Giovanni Allegretti: il percorso di Porto Alegre (bilancio partecipativo)

Verso una colloquialità tra città informale e città formale : ipotesi di lettura di un'esperienza esemplare : il percorso di Porto Alegre (Brasile) fra la ricostruzione del diritto alla città e l'integrazione del tessuto urbano autorganizzato : dottorato in progettazione urbana, territoriale e ambientale / Giovanni Allegretti ; relatori: Raffaele Paloscia, Alberto Magnaghi ; Università degli studi di Firenze, Facoltà di architettura, Dipartimento di urbanistica e pianificazione del territorio
[S.l.] : [S.n.], 2000.
1 v
12. ciclo. - A. a. 1999-2000
BN 2001-1327T.  
I. Paloscia, Raffaele      II. Magnaghi, Alberto      III. Università degli studi <Firenze>: Dipartimento di urbanistica e pianificazione del territorio  
710 (ed. 12.) - URBANISTICA E ARTE DEL PAESAGGIO
Cod. materia: H14B - URBANISTICA

Monografia - Tesi di dottorato - Pubbl. in: Italia - Lingua: italiano

Bibl. Nazionale Centrale Firenze
Gli utenti registrati possono accedere ai servizi della biblioteca scegliendo il numero di inventario del documento desiderato. Controllare modalità e orario  dei servizi.

Collocazione: TDR 2000 001134
Inventario: CF980001134

http://opac.bncf.firenze.sbn.it/opac/controller.jsp;jsessionid=7D30230A60C25F032A439C038342AAB0?action=search_multiplagoto&query_action=search_bydeweyfilter&query_position=76&query_maxposition=295&query_querystring_1=710*&query_fieldname_1=coddewey&query_filterterm=categoria%3Atd

Il codice ISBN


L'ISBN - International Standard Book Number - è un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o una edizione di un titolo di un determinato editore.
Oltre a identificare il libro, si attribuisce a tutti quei prodotti creati per essere utilizzati come libro.
Possono richiederlo: le case editrici e tutti quegli enti/fondazioni pubblici o privati che hanno una produzione editoriale

BILANCIO PARTECIPATIVO E GESTIONE URBANA: L’ESPERIENZA BRASILIANA DI PORTO ALEGRE




di Giovanni Allegretti (1)


in "Il ruolo delle Assemblee Elettive" (I° volume), a cura di Massimo Carli, per il Dipartimento di

Diritto Pubblico e della Commissione di Riforma Legislativa della Regione Toscana, Torino, Giappichelli

Editore, maggio 2001

Art. 85 – Il Municipio dovrà organizzare la propria attività amministrativa e portare avanti le sue attività

Democrazia del Bilancio Partecipativo e ademocraticità del Fondo Monetario Internazionale

Questo il testo dell’intervento della presidente della commissione affari istituzionali Anna Nocentini: «L’assemblea nazionale degli enti locali impegnati sul bilancio partecipativo, svolta il 9 ottobre a Grottammare, ha messo a confronto le esperienze che si vanno concretizzando in Comuni grandi e piccoli e in alcune Province, centrando la sua discussione su due punti essenziali: 1. il presupposto che la partecipazione è cessione di potere e aumento della responsabilità diffusa, e che non si dà effettiva partecipazione senza capacità di decisione. 2. la necessità che l’orizzonte non resti confinato nei limiti della politica locale, con un taglio essenzialmente amministrativo, ma comprenda aspetti di politica sopranazionale e nazionale. E dunque al processo di partecipazione si contrappone la modifica della Costituzione in corso che concentra potere nel premier (né è mancato un riferimento alla modifica del titolo V che ha prodotto Regioni come “monadi chiuse”); vi si contrappone il conflitto irrisolto fra esecutivo e poteri dei consigli comunali e provinciali, così come fra organi territoriali e statali (valga ad esempio la costruzione del “centro di permanenza temporanea” a Gradisca d’Isonzo portata avanti dal Ministero contro gli atti deliberativi di Comuni, Provincia e Regione). La partecipazione, che si aggiunge alla democrazia rappresentativa, impone la contestazione che gli organismi ademocratici sopranazionali (Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale) riducono la capacità decisionale degli Stati, così come impone la contestazione dei sistemi ademocratici locali, ovvero centri di potere non istituzionali che devastano la democrazia sostanziale, espropriando le comunità locali di decisioni

IL BILANCIO PARTECIPATIVO STATALE: Rio Grande do Soul



Quante volte abbiamo protestato per lo spreco di denaro pubblico? Di certo tante. Nello stato di Rio Grande do Sul, in Brasile, hanno provato a superare il problema chiedendo direttamente ai cittadini come spendere i soldi pubblici. Una lunga serie di assemblee, aperte a tutta la popolazione, fissa le priorità: le fognature prima della strada, il consultorio prima del campo sportivo. Il «bilancio pubblico» prende forma dalle proposte della collettività. Un esempio, unico al mondo, di democrazia non soltanto rappresentativa ma anche partecipativa. Con ottimi risultati, nonostante gli sgambetti di Brasilia e i mugugni dei conservatori.

 Porto Alegre. L’appuntamento è al «Palacinho», un elegante edificio in stile neoclassico al numero 300 di Viale Cristoforo Colombo.

Siamo qui per cercare di capire come funziona quello che in lingua brasiliana si chiama «orçamento partecipativo» (bilancio partecipativo) e che oggi rappresenta un vanto del governo di Rio Grande do Sul, uno dei 26 stati in cui è suddivisa la repubblica brasiliana, situato alla punta sud del paese, ai confini con Uruguay e Argentina.

Dal 1999, Rio Grande do Sul è amministrato dal «Partito dei lavoratori» (Pt). Non senza qualche difficoltà, visto che l’assemblea legislativa è dominata dai partiti conservatori: su 55 deputati soltanto 10 appartengono al partito di governo. Ma Olivio Dutra, il governatore, ha dalla sua i numeri: negli ultimi anni lo stato ha avuto indici di sviluppo tra i più alti del Brasile (produzione, esportazioni, occupazione). 

Il sistema del bilancio partecipativo è in funzione a Porto Alegre, la capitale, dal 1989, ma applicarlo a livello di stato era una scommessa rischiosa. Ma è stata vinta, tanto che il sistema ha suscitato interesse ben oltre i confini brasiliani.

Esso combina il principio della democrazia rappresentativa con quello della democrazia diretta. Tutti i cittadini possono dire dove e come spendere i soldi pubblici:

Il bilancio partecipativo: analisi di alcune esperienze internazionali ed italiane - tesi di laurea

autore Nicola Sasso

Nell’era della globalizzazione senza limiti, dove ogni atto di governo ed ogni trasformazione socioculturale sembrano determinati dall’ingordigia di potentati o istituzioni economiche prive di legittimità, ripartire dalla dimensione local e può essere opzione strategica per la stessa possibilità di costruire campagne globali di rinnovamento contestuale delle politiche e degli stili di vita. È quanto i maggiori movimenti globali hanno sottolineato di recente nei loro più importanti spazi di costruzione di reti e di scambi di esperienze e riflessioni (come il Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre

Il Bilancio Partecipativo. Un confronto tra le esperienze di Porto Alegre e Grottammare - tesi di laurea II livello (specialistica)



autore Fabio Cocas

L’obiettivo di questa tesi è di individuare quegli elementi che hanno permesso all’esperienza di Porto Alegre di riscuotere un’approvazione sempre maggiore da parte della popolazione, permettendo al progetto di continuare e di evolversi ininterrottamente durante questi venti anni. Naturalmente gli elementi che riusciremo a trovare non possono avere la capacità di spiegare un fenomeno di grandi dimensioni come quello del Bilancio Partecipativo, ma, probabilmente, ci potranno essere d’aiuto per avere una chiave di lettura e di analisi. Inoltre, cercheremo di verificare se tali caratteristiche sono riscontrabili anche in altre esperienze di successo e

La democrazia partecipativa di Porto Alegre vista dal sindaco di Porto Alegre


di: Raul Pont

il movimento dei movimenti in questi anni ha rimesso in primo piano la questione democratica, individuando nell'assenza di democrazia negli organismi internazionali il principale avversario e prendendo Porto Alegre e l'esperienza della democrazia partecipativa come proprio simbolo. Questo libro raccoglie un insieme di saggi di Raul Pont, ex sindaco di Porto Alegre, la maggior parte dei quali pubblicati in Brasile in un volume dal titolo Democracia, participacao, Cidadania. I saggi, scritti in diversi periodi e contesti politici, forniscono nel complesso una ricostruzione storica dell'esperienza di costruzione della democrazia partecipativa a Porto Alegre e forniscono importanti riflessioni teoriche, politiche e metodologiche sulle pratiche di partecipazione come esperimenti di democrazia diretta. Il libro è corredato da un'analisi dell'arcipelago delle esperienze di applicazione del Bilancio Partecipativo in Italia e da una rilfessione sui vari progetti di democrazia: dal municipalismo ribelle, alla riforma dello Stato,

Il Bilancio Partecipativo nel mondo: la trasformazione politica di Porto Alegre porta in sé germi potenzialmente rivoluzionari




di Giovanni Allegretti


Un acceso dibattito ha accompagnato la scelta della città che ospiterà il secondo Forum sociale mondiale. Creare un luogo di dibattito itinerante dove confrontare alternative credibili ai dogmi neoliberisti è certo auspicabile, perché contribuisce al benefico rinnovamento della discussione [a contatto con contesti locali diversi] e porta vantaggi diretti e indiretti ai luoghi che tocca: sia per le enormi masse che mobilita, sia perché - come osservavano i militanti brasiliani mesi dopo il primo Forum - quando mai si era vista prima un'estate sulle spiagge monopolizzata dagli strascichi dei dibattiti sulla mondializzazione, invece che dal calciomercato?

Per altri versi, c'è ancora bisogno di consolidare e render visibile questo progetto di dibattito democratico; e la temporanea riconferma di un luogo simbolico come Porto Alegre può aiutare lo sforzo costruttivo di movimenti e cittadini che sognano e lottano per "un'altra globalizzazione

ONU: IL BILANCIO PARTECIPATIVO DI PORTO ALEGRE, LA MIGLIORE PRATICA POLITICA DEL MONDO


di Sandra Cangemi

Tredici anni fa, in una città del sud del Brasile nello Stato del Rio Grande do Sul, ormai famosa per il Forum Social Mundial (che vide anche la straordinaria partecipazione di 60.000 persone), nasceva l’esperienza dell’Orcamento Partecipativo - il bilancio partecipativo - che oggi si può dire ben avviato e che mostra i suoi primi risultati concreti. Nel racconto di Sandra Cangemi, ecco come funziona.

Scena prima. Il minuscolo cortile di una casetta. Sotto una grande magnolia, indifferenti alla pioggia che comincia a cadere, sono ammassate una trentina di persone. Anziani e ragazzine, una giovanissima madre con un paio di bambini piccoli, donne e uomini, pelli bianche e pelli nerissime, capelli biondi, bianchi o crespi e corvini. Osservano uno schema appeso a un muro e discutono con ordine, anche se quello di cui stanno parlando non è affatto un argomento qualsiasi: è il futuro delle loro case, il loro futuro. Siamo in una favela del bairro Cristal, a Porto Alegre, e stiamo assistendo a una riunione di bilancio partecipativo (confidenzialmente OP). E’ presente anche un facilitatore,

Lampade a basso consumo, la Svizzera invita a stare lontani


Non avvicinatevi a meno di trenta centimetri dalle lampade a risparmio energetico. È il suggerimento diffuso dall’Ufficio federale della sanità pubblica svizzera in seguito ad un’indagine condotta dalla «It’Is Foundation» (Fondazione di ricerca sulle tecnologie dell’informazione nella società) di Zurigo diretta dal professor Niels Kuster del locale Politecnico. La ricerca voleva determinare con precisione, grazie ad un nuovo metodo di misura, i campi elettromagnetici generati dalle nuove lampade a risparmio ora utilizzate in seguito alla decisione dell’Unione Europea di mettere al bando le tradizionali lampade ad incandescenza entro il 2012

La pericolosità delle lampadine a basso consumo



La retorica della lampadina fluorescente continua. Da più di un decennio continuiamo ad attribuirle un ruolo salvifico nella lotta ai cambiamenti climatici, senza renderci conto delle innumerevoli problematiche sotto il profilo della salute e dello stesso ambiente.

Entro settembre 2012 sono state messe al bando in tutta l’Unione Europea le lampadine a incandescenza per fare spazio a quelle a minor consumo energetico. Ma a quale costo?

martedì 9 dicembre 2014

La Finlandia dal 2016 non insegnerà più il corsivo ma solo lo stampatello

Una scelta dettata dal pragmatismo: lo stampatello è più veloce e più facile. I dubbi di psicologi e pedagogisti

Corsivo, addio. La Finlandia, il Paese con uno dei sistemi educativi più avanzati al mondo, ha deciso di mandare definitivamente in soffitta gli arnesi della bella calligrafia che fu dei nostri nonni e genitori e in parte è ancora nostra (per i nostri figli è tutto da vedere!). Da agosto 2016 nessun bambino finlandese imparerà più a scrivere le lettere dell’alfabeto una legata all’altra, ma solo in stampatello, con i caratteri lì belli chiari per tutti, facili da scrivere e soprattutto da leggere

Spy story: Anna la rossa tentò di sedurre Snowden su ordine del Cremlino

obiettivo della spia russa, ex agente del Kgb, era di carpire tutti i segreti su servizi Usa. La «talpa» fu sul punto di cedere ma era preoccupato dalle conseguenze della relazione


«Anna la rossa», l’ex avvenente spia russa arrestata negli Stati Uniti nel 2010, ha tentato di «sedurre» Edward Snowden su preciso ordine del Cremlino che puntava a trattenere in Russia il più possibile la talpa del Datagate per scucirgli tutti i segreti dei servizi americani. Lo sostiene un ex agente del Kgb, Boris Karpichkov, secondo il quale del piano russo per incastrare Snowden faceva parte anche un civettuolo tweet del luglio del 2013 nel quale Anna Chapman

Il BitBite nell’orecchio controlla se mangi troppo o in modo sbagliato

Si chiama BitBite: grazie a speciali sensori registra le abitudini alimentari aiutando a migliorarle. Si può acquistare su una piattaforma di crowdfunding

di Eva Perasso


E se ad aiutare a controllare la propria alimentazione e perdere peso fosse una piccola cimice inserita nell’orecchio? Quella inventata da una squadra di medici, sviluppatori e nutrizionisti americani si chiama BitBite e monitora, registra e dà consigli sulle modalità con cui normalmente mangiamo: dal ritmo di masticazione al numero di morsi, dall’orario in cui facciamo lo spuntino al suo contenuto più o meno sano. Si può acquistare ancora per qualche giorno sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo, dove BitBite sta raccogliendo fondi per perfezionare la sua tecnologia e immettere definitivamente sul mercato la sua creazione.

Un aiuto a cambiare abitudini

Huber Matos: Castro voleva far sparire il capo delle Forze Armate Rivoluzionarie Camilo Cienfuegos

Il comandante Huber Matos si trovava prigioniero nel Castello del Morro all’Avana quando ricevette la notizia che Camilo Cienfuegos, uno dei comandanti più carismatici della rivoluzione di Fidel Castro, era scomparso.
«Pensai subito che Fidel lo avesse ucciso e che fosse una diretta conseguenza della mia situazione personale», ha detto Huber Matos, che ha trascorso venti anni in carcere per aver denunciato l’infiltrazione comunista nel governo di Castro

28 ottobre 1959: l'attentato a Camilo Cienfuegos

Il 28 ottobre 1959 morì, all’età di 27 anni, Camilo Cienfuegos.



Camilo fu uno dei più importanti personaggi della rivoluzione cubana, basti pesnare che fu alla guida di una delle due colonne che partì dalla Sierra Maestra ed attraversò l'isola fino a provocare la caduta del dittatore Batista e a conquistare l'Avana. L'altra colonna era guidata da Che Guevara, che battezzò l’amico Camilo "signore dell'Avanguardia"

Camilo Cienfuegos: il vero comandante della rivoluzione cubana

Camilo Cienfuegos (1932-1959) fu uno dei tre massimi leader della Rivoluzione cubana. Guidò una delle due colonne che partì dalla Sierra Maestra ed attraversò l'isola fino a provocare la caduta del tiranno Batista e a conquistare l'Avana. L'altra colonna era guidata da Che Guevara, che battezzò Camilo "signore dell'Avanguardia".



Era molto popolare anche per le sue umili origini e l'immediatezza del carattere.
Camilo Cienfuegos ha 24 anni quando raggiunge il Messico per partecipare alla spedizione castrista del Granma (1956).

La sua storia di leggendario barbudo comincia un mattino del 1952, poco dopo il golpe di Fulgencio Batista, quando adotta un cane randagio battezzandolo Fulgencio: gli era parso il nome più adatto per un bastardo!!

Buon narratore, amante degli animali, audace e pronto ad affrontare qualsiasi rischio, animato da un profondo senso dell'amicizia e dell'avventura, Camilo trascorre un certo periodo negli stati uniti. Tornato in patria comincia la sua attività rivoluzionaria

GOOGLE PRONTA PER L'ADDIO A GMAIL: POTENZIA INBOX

Google si prepara per dare l'addio a Gmail. Inbox, il nuovo sistema di gestione della posta elettronica lanciato da Google a ottobre per ora su invito, sta per arricchirsi con diverse nuove funzioni, dalla possibilità di 'ritirare' una mail dopo l'invio all'uso su più browser, mentre ora è limitato a Chrome, e la compatibilità con diversi indirizzi di posta anche non Google. Lo hanno detto tre sviluppatori durante un forum con gli utenti del sito Reddit, in cui hanno ammesso che l'obiettivo a lungo termine è di fondere Inbox con Gmail