sabato 28 marzo 2015

Corse: il calendario delle gare imperdibili

Domenica 29 marzo al via in piazza Duomo la Stramilano. Per Pasqua i Diecimila del Mare, a Rimini. E il 19 aprile a Roma la Appia Rum, lungo l’antica strada romana

La stagione si apre con una classica: domenica 29 marzo a Milano prende il via la Stramilano con le sue tre diversi percorsi (la Stramilanina da 5 km, ore 9 in piazza Duomo, la 10 km alle 9.30 in sempre in piazza Duomo e Half Marathon agonistica alle 11 partenza da piazza Castello). Molto interessante (per il percorso e per l’aria buona assicurata) anche la 10° edizione della Mezza Maratona del Lago di Caldaro, lungo le strade del Vino, in provincia di Bolzano.

A Pasqua ricco calendario di impegni:

La «guerra» dei Rothschild

Un solo — e blasonato — nome, per due rami della stessa famiglia. Siamo nell’alta finanza dei Rothschild sulla quale potrebbe presto piovere un confronto giudiziario, secondo quanto scrive il «Financial Times»: il gruppo Edmond de Rothschild — «private bank» e «asset manager» franco-svizzero — sarebbe pronto a lanciare una diffida a Rothschild & Cie,

venerdì 27 marzo 2015

Record mondiale per il Costarica: 100% di energia elettrica da fonti rinnovabili

È UN RECORD assoluto: dopo aver abolito l'esercito nel 1949, il Costa Rica si prepara ad abolire i combustibili fossili nel settore elettrico. Tutte le lampadine del paese si accendono grazie alle fonti rinnovabili. Nella roccaforte della natura americana (più di un quarto del territorio nazionale è protetto) il 2015 sta scorrendo pacificamente, senza emissioni serra in un comparto energetico strategico.

La notizia è stata data dall'Independent che sottolinea la congiuntura favorevole dietro questo risultato: piogge consistenti hanno riempito gli invasi degli impianti idroelettrici. Gli stessi che l'anno scorso hanno assicurato l'80% del totale dell'energia pulita, mentre il 10% è venuto dalla geotermia e il rimanente da altre fonti.

I ticos, come sono soprannominati gli abitanti di questo paese che ha fatto della natura la sua carta vincente nella competizione per il turismo globale,

Favij: da YouTube alle figurine Panini

Visto da 1,7 milioni di fan ogni giorno, il "piccolo" fenomeno del web sta crescendo: arrivano le figurine e l'esordio sul grande schermo

Da Mi manca Riva, tormentone di una generazione, tanto che ci hanno fatto un film, a mi manca Favij, che non è l’erede di Rombo di Tuono ma un 19enne torinese amatissimo su YouTube: 1,6 milioni di iscritti al suo canale, in cui Lorenzo Ostuni (il vero nome) mescola videogame, cazzeggio, magate da generazione digitale. Tra i follower di Favij, i più hanno dai 13 ai 17 anni e alla Panini, che dal 1960 alimenta il rito delle figurine dei calciatori, hanno drizzato le antenne. Non è la prima volta che a Modena guardano oltre il calcio, da Aerei e Missili nel 1965 al telefilm Sandokan nel 1976, sino a Frozen, album dopo album c’è l’evoluzione del Paese: "Studiamo da sempre i fenomeni di costume", spiega Antonio Allegra, direttore del mercato italiano. "Il 50% dei giovani fra i 10 e i 13 anni che vanno su YouTube seguono un youtuber". Il più popolare è Favij,

martedì 24 marzo 2015

Capo Verde

Capo Verde (in portoghese Cabo Verde, in creolo capoverdiano Cabu Verde, Cábu Vêrdi o Kabu Verde) è uno stato (4 033 km², 495 999 abitanti al 2012, capitale Praia) dell'Africa. È una repubblica presidenziale con capo di Stato Jorge Carlos Fonseca e capo di governo José Maria Neves.



È costituita da un arcipelago di dieci isole di origine vulcanica, situato a circa 500 km dalle coste senegalesi nell'oceano Atlantico settentrionale, al largo dell'Africa occidentale. Il patrimonio naturale di questo arcipelago è stato solo di recente scoperto dagli operatori internazionali che hanno aperto le porte di Capo Verde al turismo.

"Capo Verde" prende il nome da Cap-Vert, nell'odierno Senegal, il punto più occidentale dell'Africa continentale.

Clima
Il clima a Capo Verde è di tipo tropicale secco, con una temperatura media che oscilla tutto l'anno intorno ai 26 °C

Pubblicare con ISBN e vendere alla Feltrinelli

Il servizio di distribuzione PRO con ISBN

A partire dal 2010, il servizio di distribuzione nel circuito la Feltrinelli consente agli autori di vendere migliaia di copie attraverso le Librerie e il sito della più grande catena italiana di librerie. Un risultato straordinario, visto che normalmente per gli esordienti e anche per i piccoli editori è impossibile accedere ai grandi circuiti di distribuzione. 
Il servizio si arricchisce ora di una importante novità, l’attribuzione del codice ISBN. Il servizio rappresenta una svolta significativa: per la prima volta in Italia, grazie a ilmiolibro.it, è possibile pubblicare un libro con ISBN, senza sottoscrivere un contratto di edizione e cederne i diritti ad un editore. 
L’utilizzo di uno standard riconosciuto a livello internazionale apre per il futuro nuovi scenari per l’ampliamento della distribuzione delle opere degli autori indipendenti. Da subito, permette di dare ad un titolo pubblicato su ilmiolibro il carattere di ufficialità che ancora mancava senza però privare l’autore del totale controllo sui diritti e sul destino della sua opera (l’autore potrà successivamente decidere di cederli a terzi). Con il codice ISBN, i libri vengono pubblicati all’interno di Alice, il catalogo ufficiale italiano dei libri pubblicati in Italia

sabato 21 marzo 2015

All'on. Carlo Sibilia il perlone d'oro 2014: detronizzato Marcianò

Con il 37.2% dei voti si aggiudica il Perlone 2014 il deputato Carlo Sibilia, seguito da Rosario Marcianò con il 18.8% e da Giulietto Chiesa con il 16.2%. Piuttosto deludente il risultato raggiunto da Massimo Mazzucco che si colloca all'ultimo posto con un misero 5.5%.
Come sempre lo screenshot delle percentuali

Party VEGAN al Fellini: la domenica più ballata d'Italia




La penisola di Capo Verde (Senegal)

La penisola di Capo Verde (in francese Presqu'île du Cap-Vert) è una penisola posta lungo la costa atlantica dell'Africa occidentale.



La penisola di Capo Verde dal satellite.



Il nome al capo (Cabo Verde) venne dato nel 1444 dal navigatore portoghese Dionigi Dias, per la vegetazione lussureggiante in confronto con l'aridità del territorio circostante. Nel 1455 venne raggiunto dal navigatore veneziano al servizio dei portoghesi Alvise Cadamosto, che l'anno dopo passò di nuovo presso il promontorio e poi scoprì le isole di Capo Verde

Bernard Maris: le banche fabbricano soldi dal nulla tramite le scritture contabili (RISERVA FRAZIONARIA)

Ora Bernard Maris la raccontava dal punto di vista del banchiere francese della Banca centrale francese che apparentemente può ottenere tutte le banconote che vuole, seguendo la domanda dei clienti e non solo quelle banconote fissate dalla BCE...se ho capito bene le parole di Bernard Maris...
Altra domanda sorge spontanea: se crea moneta dal nulla allora come mai le banche italiane non prestano NIENTE, e chiedono il rientro dai fidi delle aziende, facendole fallire?
Quindi è un piano di banche/multinazionali per fare fallire le NOSTRE aziende laddove in altri paesi famiglie e imprese vivono perpetuamente con fidi e prestiti delle banche...
NForcheri


Pubblicato il 13 apr 2014
Bernard Maris, uno degli economisti più noti in Francia, reporter su France Inter e membro del consiglio generale della banque de France ha rivelato tutto in un documentario recente sul "Debito" prodotto da Nicolas Ubelmann e Sophie Mitriani. Quando gli fai la domanda "Da dove viene il denaro prestato dalle banche?" la sua risposta stupefacente:

Le banche lo fabbricano esse stesse con l'autorizzazione della banca centrale. Ad esempio, compri un immobile che vale 500000. Ebbene la banca produrrà 500000 euro dal nulla. Dirai che non fabbrica 500000 in banconote. Si, fabbrica 500000 banconote che possono prestarti. Solo che è una scrittura contabile,

Alcuni modi per pubblicare in automatico su FACEBOOK

Facebook è una grande risorsa per portare traffico sul nostro blog, ma postare a mano ogni volta i nostri articoli è noioso e porta via tempo. Già ti ho spiegato due modi per pubblicare in automatico su Facebook, oggi te ne svelo oltre 10!

Postare i post del proprio blog su Facebook

1. Note
Il modo più classico per pubblicare i post del proprio blog in automatico sul proprio Profilo o Pagina Fan è l’utilizzo dell’applicazione Note di Facebook. Basta cliccare su “Importa un blog” ed inserire il link del nostro Feed RSS.

Sconsiglio l’utilizzo di questa applicazione, perchè non fa altro che copiare l’intero contenuto del feed, all’interno di una nuova “nota” su Facebook, senza alcun rimando al nostro post originale.

2. NetworkedBlogs
Sicuramente l’applicazione migliore per pubblicare sia sul Profilo Privato che sulla Pagina Fan, in modo del tutto automatico, partendo dai feed RSS dei nostri blog. Verrà postato in bacheca un link con l’immagine di anteprima, il titolo e un breve estratto, linkato direttamente al post sul nostro blog.

3. TwitterFeed
A dispetto del nome, permette di pubblicare i nostri post non solo su Twitter, ma anche sul Profilo e sulle Pagine Fan.

L'incubo della frutta acida (frutta killer)

Un giorno, mentre ero a casa di una certa persona, mi è venuta un'improvvisa e alquanto insolita voglia di mangiare alcuni mandarini esposti in un cesto. Così l'ho fatto, li ho mangiati. Saranno stati sei, sette forse.
I mandarini sono finiti, ma la voglia mi è rimasta, così la mattina dopo sono andato a comprarli da un ambulante che avevo già adocchiato qualche giorno prima (benché non avessi voglia di mandarini, avevo notato la buona qualità di quelli) e ne ho comprato una cassa. Circa 9 kg.
Così, ho dato libero sfogo alla mia insaziabile voglia, e ho mangiato prevalentemente mandarini durante tutta la giornata. Non so quantificare esattamente il numero o il peso complessivo, perché non sono l'unico ad aver attinto alla cassa (che a fine serata era più o meno dimezzata), ma credo di averne mangiati circa due-tre chili al massimo.
Ad ogni modo, ho mangiato ben oltre la sazietà, ma non ho mangiato più di quando esagero con altri frutti, siano essi cachi, mele, pesche, prugne o uva.
Piccolo inciso: ultimamente, e da un po' di tempo, la mia dieta si basa su mele, cachi e papaye. Praticamente non tocco altro al di là di qualche rarissimo dattero.
Tornando a quel dì, ho mangiato mandarini la mattina, spizzicando fino a pranzo. Verso le due ho mangiato tre piccoli cachi, poi mandarini fino al tardo pomeriggio, e per chiudere una papaya.
Nonostante non sia stato un grande giorno, dietisticamente parlando (ho mangiato troppo, e sicuramente non con la fame), non è stato peggiore dei due prima di questo. Almeno, considerando il livello di pulizia che ho raggiunto personalmente.
Perché, dunque, un titolo tanto nefasto? L'incubo arriva ora

mercoledì 18 marzo 2015

1971: il famoso dirottamento di D.B. Cooper


Dan Cooper, meglio conosciuto come D.B. Cooper (...), è un criminale statunitense famoso per aver dirottato un Boeing 727 nel 1971 dal quale si è lanciato in volo dopo aver intascato un riscatto di 200 mila dollari. Il nome Dan Cooper è lo pseudonimo usato dall'uomo durante la rapina, probabilmente ispirato all'omonimo personaggio dei fumetti degli anni '50, protagonista di avventure aeree che vanno dallo spionaggio alla fantascienza.
Nonostante un'estesa caccia all'uomo e una continua indagine da parte dell'FBI, l'autore non è mai stato localizzato o identificato con certezza e pur considerando l'eventualità che non potesse essere sopravvissuto ad un lancio così rischioso, il caso è rimasto aperto. Questo episodio di pirateria aerea (nome in codice presso l'FBI: "Norjak") rimane l'unico irrisolto nella storia dell'aviazione statunitense.

La vicenda ebbe inizio nel tardo pomeriggio del 24 novembre 1971, la vigilia del Giorno del ringraziamento, quando all'aeroporto Internazionale di Portland nell'Oregon, un uomo che portava una valigetta nera, identificandosi col nome di "Dan Cooper" (in seguito, a causa di un errore di comunicazione dei mass-media, è diventato noto come "DB Cooper") acquistò al banco della Northwest Orient Airlines un biglietto di sola andata per Seattle (Washington), un volo da 30 minuti. Cooper si imbarcò sull'aereo, un Boeing

Lo strano caso di Federico Bisceglia: il PM morto a mezzanotte

di Michele Santagata

Michele Santagata è un giornalista del giornale locale La Provincia di Cosenza che sta portando avanti un'inchiesta sul PM Federico Bisceglia, morto alla mezzanotte del 1 marzo in un incidente dalle circostanze ancora da chiarire al chilometro 250 della Salerno - Reggio Calabria. Bisceglia indagava sulla Terra dei Fuochi. Il blog ha intervistato Michele Santagata che racconta tutto quello che ha scoperto e si chiede quanto ancora ci sia da scoprire.

"È domenica primo marzo e sono le 10:57 l’azienda Adnkronos batte un comunicato dell’Anas che dice: “Muore un giudice all’altezza del chilometro 205-700 dell’A3 carreggiata sud, circa intorno la mezzanotte”, ma due ore prima dalle colonne del mattino.it un altro giornalista lanciava la notizia di un altro incidente avvenuto sempre intorno alla mezzanotte. Si trattava dello stesso giudice. Dava come dinamica un volo da un viadotto alto 30 metri.
Stiamo parlando dello strano incidente che è avvenuto al PM Federico Bisceglia e stando al comunicato dell’Anas è morto circa intorno alla mezzanotte o 10 minuti prima; anche sull’orario c’è un po’ di imprecisione

martedì 17 marzo 2015

Arrestato Gozzi, presidente della Virtus Entella (serie B)

Il numero uno della società di Chiavari, ad di Duferco e presidente di Federacciai, è finito in manette lunedì sera a Bruxelles. L'accusa è quella di aver corrotto degli ufficiali in Congo per ottenere appalti. Il club: "Confidiamo in un rapido accertamento della verità. Lo aspettiamo per la partita di sabato"

Antonio Gozzi, ad di Duferco, presidente di Federacciai e della società di calcio Entella, è stato arrestato lunedì sera a Bruxelles dalle autorità belghe in una indagine per corruzione insieme al suo collaboratore Massimo Croci. Secondo l'accusa, Gozzi avrebbe corrotto degli ufficiali nella Repubblica democratica del Congo per ottenere appalti

Nell'indagine è coinvolto anche l'ex sindaco di Waterloo ed ex ministro vallone Serge Kubla, arrestato il 24 febbraio scorso e scarcerato dopo 48 ore di fermo. Per i magistrati, la società avrebbe chiesto a Kubla di corrompere il presidente congolese per ottenere una diversificazione delle attività di Duferco.

lunedì 16 marzo 2015

Chemioterapici che si disperdono nell'ambiente

Oggi con le immense quantità di chemioterapia che fanno una quantità enorme di chemioterapici si disperdono nell’ambiente. Nelle urine dei pazienti in chemioterapia che poi vengono disperse normalmente, nelle fognature, poi vanno a finire nell’ambiente. Sta aumentando notevolmente la concentrazione di chemioterapico, che comporta un altissimo rischio di mutazione.
C’è un documento dell’Istituto Superiore di Sanità che è rivolto agli operatori sanitari, i medici e gli infermieri che lavorano in ospedale. Questo rischio di mutazione, cioè di induzione tumorale da parte del chemioterapico è conosciutissimo,

domenica 15 marzo 2015

L'italiano che combatte come “foreign fighter” per l’Ucraina

 La guerra civile in Ucraina sempre più sanguinosa e dimenticata schiera in prima linea un reparto fedele a Kiev, che arruola volontari europei provenienti da Italia, Svezia, Finlandia, paesi Baltici e Francia. Il battaglione Azov, accusato di simpatie naziste, sta combattendo con i suoi 250 uomini sul fronte orientale dell'Ucraina contro i ribelli filo russi. Una dozzina di volontari stranieri, che giurano di non venir pagati, hanno già prestato giuramento. Altri 24 stanno arrivando e su Facebook, il veterano francese della guerra in Croazia, Gaston Besson, ha lanciato da Kiev un appello all'arruolamento. Per giorni abbiamo seguito dalla base di Berdyansk, nell'est del paese, il battaglione Azov, che è sotto il controllo del ministero dell'Interno. 

Fra i volontari europei, l'italiano Francesco F. ha lasciato la vita da manager per combattere al fianco degli ucraini

venerdì 13 marzo 2015

Il foltovoltaico ad altissime prestazioni nasce in Umbria

Il sistema Imdf è una “garage innovation” che potrebbe entrare in produzione entro la fine dell’anno grazie alla cessione in licenza a tre grandi utilities internazionali


Rendimento quattro volte superiori al fotovoltaico normale, una durata di 50 anni, capacità di operare anche con temperature di 130°C e un costo di produzione del 70% inferiore ai sistemi al silicio. Sono queste le cifre, decisamente impressionanti, dell’Imfd (innovativo modulo fotovoltaico a diodi), brevettato da Alfredo Chiaccheroni, un elettricista umbro che, complice la crisi, si è trasformato in inventore investendo direttamente nel progetto insieme ad alcuni soci a partire dal 2008.

La presentazione ufficiale, con tanto di dimostrazione pratica avverrà solo tra qualche settimana a Marsciano, in provincia di Perugia, ma i dati certificati dalle relazioni tecniche di questa vera e propria “garage innovation” sono decisamente incoraggianti e, se confermati in fase industriale, potrebbero generare un terremoto nel mondo del fotovoltaico.

“Abbiamo modificato i led a diodi gli stessi che vengono utilizzati per le spie di telecomandi e cruscotti” spiega Chiacchieroni,  “inserendo al loro interno una miscela di sostanze – anch’essa brevettata – che contiene vari composti a base di gallio, carburo di silicio e indio. abbiamo poi impilato il diodi per formare pannelli che arrivano fino a 14 strati

Le famose minacce di Kissinger ad Aldo Moro (che era salito sul treno Italicus)

di Gianni Lannes

«Se non cambi la tua linea politica la pagherai cara» parola di Henry Kissinger. Il 25 settembre 1974 il famigerato Heinz (già fautore del golpe in Chile nel 1973 contro Salvador Allende) terrorizza Moro. Grazie alla testimonianza giurata in sede processuale di Corrado Guerzoni, portavoce di Aldo Moro, si apprese che dietro l’assassinio dello statista italiano c’era lo zio Sam.

Nel giugno e luglio del 1982, la moglie di Aldo Moro, Eleonora Chiavarelli Moro, testimoniò in tribunale che l’assassinio del marito fece seguito a serie minacce di morte, esercitate da colui che lei chiamò “una figura politica americana di alto livello“. La signora Eleonora Moro ripetè la stessa frase attribuita ad Henry Kissinger nella testimonianza giurata di Guerzoni: «O tu cessi la tua linea politica oppure pagherai a caro prezzo per questo». Richiamato dai giudici, a Guerzoni fu chiesto se poteva identificare la persona di cui aveva parlato la Signora Moro. Guerzoni confermò che si trattava di Henry Kissinger come d’altra parte aveva precedentemente dichiarato.


Guerzoni spiegò come Kissinger fece le sue minacce ad Aldo Moro in una stanza d’albergo durante una visita ufficiale di alcuni leader italiani.  Il 25 settembre 1974 Moro incontrò Kissinger. Dopo il colloquio fu colpito da un malore e venne soccorso dal suo medico personale Mario Giacovazzo e da quello del Presidente Giovanni Leone, Giuseppe Giunchi, che lo fecero rientrare in anticipo in Italia. Che cosa aveva bofonchiato Kissinger di tanto sconvolgente a Moro, perchè questi fosse colpito da un malore?

Un avvertimento era stato mandato in onda poco prima.  Ecco la nitida testimonianza di Maria Fida Moro: «Ricordo il 3 agosto del 1974, altra data infausta della storia italiana. Papà allora era ministro degli esteri e avrebbe dovuto raggiungerci in treno a Bellamente, sulle montagne del Trentino, dove di solito trascorrevamo insieme le vacanze estive. Era già salito sulla sua carrozza, alla stazione Termini, e il treno stava per partire, quando all’ultimo momento arrivarono dei funzionari e lo fecero scendere perché doveva tornare per firmare delle carte. A causa di quell’imprevisto perse il treno e fu costretto a raggiungerci in macchina. Un ritardo provvidenziale, perché quel treno era l’Italicus. Non ho alcuna prova per dirlo con certezza, però ho avuto il sospetto che la bomba esplosa poche ore dopo nella galleria di San Benedetto Val di Sambro avesse come obiettivo proprio lui

Andreotti: quando Kissinger minacciò Moro e Rumor

L'apertura di Aldo Moro al Pci suscitò inopportune prese di posizione da parte degli Stati Uniti: lo rivelò Giulio Andreotti in una intervista all'Ansa sinora rimasta inedita e visibile sul sito Ansa.it. 'Quando Moro e Rumor ebbero quella specie di preventiva lavata di testa nel loro viaggio a Washington, questo fu inopportuno. Forse era stata presa in considerazione qualche ipotesi dei loro servizi qui a Roma del tutto priva di fondamento', spiegò il senatore a vita, invitando a mettere nel dimenticatoio certe vicende: 'c'é da guadagnare per tuttì. Il riferimento è a un viaggio dello statista democristiano in Usa nel 1974 quando, secondo alcune fonti tra le quali la moglie Eleonora, subì delle vere e proprie minacce dall'allora segretario di Stato Usa, Henry Kissinger. Al suo ritorno, Moro rimase a lungo fuori dalla scena politica, ufficialmente per una malattia

giovedì 12 marzo 2015

Le bizzarrie dei servizi segreti a protezione di Obama

Tutti gli errori del servizio segreto

Per i servizi segreti un'altra brutta pagina. Forse necessaria per aprirne una nuova. La riorganizzazione dell'agenzia è diventata la priorità. Clancy è entrato in servizio qualche mese fa, dopo che Julia Pierson era stata costretta a dimettersi in seguito alle rivelazioni sulle incredibili falle dell'apparato di sicurezza che doveva vegliare su Barack Obama.

La goccia che aveva fatto traboccare il vaso era stata la clamorosa impresa di Omar Gonzales, il 42enne veteranno dell'Iraq che nello scorso settembre aveva scavalcato la cancellata della Casa Bianca, superato di corsa il giardino ed era entrato dentro l'East Room, nel luogo (in teoria) più sicuro del mondo. Aveva con sé un coltello, anche se sembra che non avesse alcuna intenzione di usarlo.

Gonzales aveva fatto tutto senza essere intercettato da nessuno dei funzionari della sicurezza presenti. In più si era scoperto che il sistema di segnalazione elettronico non era in funzione in quel settore dell'edificio. Un buco clamoroso. Dopo che la notizia aveva fatto il giro del mondo, la Pierson era stata costretta a firmare la sua lettera di addio.

Lo aveva fatto anche perché l'intrusione di Gonzales era stata compiuta a soli tre giorni di distanza da un altro incredibile errore da parte degli uomini del suo dipartimento.

Il 16 settembre 2014, Barack Obama era in visita al Centro di Prevenzione delle Malattie di Atlanta. Uno sconosciuto armato era riuscito a entrare in ascensore con lui

McDonald’s Italia: arriva il BURGER VEGANO

di Valentina Ravizza



Sarà colpa dell’avanzata del biologico e del vegano, come suggerisce Pierluigi Battista raccontando la disfatta del fast food, ma McDonald’s sta diventando sempre più veg-friendly: tanto che ha annunciato che entro l’anno lancerà finalmente il suo primo veggie burger. Primo per l’Italia perché il panino con polpetta vegetale esiste già nelle filiali della catena in diversi Paesi nel mondo. E non parliamo solo della vegetarianissima India, dove addirittura sono stati aperti McDonald’s solo vegetariani e dove spopola il McVeggie (farcito con una crocchetta speziata e panata di piselli, carote, fagiolini, cipolle, patate e cipolla, e condito con lattuga e maionese senza uova), affiancato dal Veg Supreme McMuffin (con un goloso ripieno di spinaci e mais) o il piccante Masala Grill Veg. Ma pensiamo anche alla Germania, patria di bratwurst e salsicce varie, dove, dopo un primo tentativo fallito, l’anno scorso il Veggieburger TS è rientrato a pieno titolo nel menu. “Ci sono diverse fasi di maturazione del mercato- spiegano dall’azienda – Quello che cinque anni fa non vendeva abbastanza oggi invece sta funzionando bene. C’è sempre più attenzione per la diversità che si tratti di una scelta o di un’intolleranza”. E infatti, oltre che sul panino veg, McDonald’s Italia starebbe lavorando anche sulle alternative per celiaci

USA: servizi segreti ubriachi vanno a sbattere contro la Casa Bianca

Nuovo scandalo nei servizi segreti di Barack Obama dopo le intrusioni alla Casa Bianca che avevano spinto Julie Pierson, la direttrice del Secret service, a dimettersi qualche mese fa. L’amministrazione sta indagando su due agenti accusati di essersi scagliati contro le barriere del perimetro di sicurezza della Casa Bianca con l’auto, dopo aver partecipato ad una festa e aver bevuto, la scorsa settimana. Lo scrive il Washington Post,

Attenzione alle proteine animali: protegge i reni chi abbonda con frutta e verdura

di Elena Meli

Frutta e verdura fanno bene ai reni, soprattutto a quelli che non funzionano più a dovere: uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology ha di recente dimostrato che una dieta che privilegi i vegetali è l’ideale per chi soffre di una malattia renale cronica, mentre se si esagera con la carne il rischio di insufficienza renale e dialisi può addirittura triplicare. I dati arrivano da un’indagine in cui sono stati seguiti, per quasi 14 anni, poco meno di 1500 pazienti con una patologia renale cronica. A cadenza regolare tutti i partecipanti hanno risposto a un questionario sulle loro abitudini alimentari e, nel frattempo, sono state registrate le variazioni dei parametri correlati alla salute dei reni.

I risultati appaiono chiari: un elevato consumo di cibi acidi, per lo più carne e derivati, si associa a una più rapida progressione verso l’insufficienza renale e la dialisi. Il rischio addirittura triplica rispetto a quello registrato nei pazienti che invece portano in tavola soprattutto cibi poco acidi, come la frutta e la verdura.
«Il “carico di acidi” provenienti dalla dieta è strettamente connesso alla velocità di progressione della malattia - dice Tanushree Banerjee, coordinatrice della ricerca e nefrologa dell’Università della California, a San Francisco -. Da tempo si pensa che a una maggior quantità di cibi acidi sia associato un peggioramento della funzionalità renale,

McDonald’s apre in India il primo fast food solo vegetariano.. a quando il McFruit ?

di Beatrice Montini

Dicono i «numeri» che l’India è il luogo con più «veg» al mondo: circa il 30% della popolazione è vegano o vegetariano. Sia per motivi religiosi che culturali . Alcune città, come ad esempio Rishikesh (nell’India settentrionale) dato che sono considerate sacre dagli Indu, sono per legge vegetariane. Niente carne in nessun luogo. Il paradiso dei vegetariani, insomma. Non stupisce dunque che McDonald’s (la più celebre catena di fast food al mondo) abbia deciso di aprire in questo Paese la prima panineria che offre esclusivamente menu vegetariani.

Il «McVeg», come potremmo chiamarlo, è stato aperto ad Amritsar , vicino ad uno dei santuari più sacri dell’India . Per questo, nel rispetto della tradizione induista (l’80% della popolazione , che considera le vacche animali sacri), sono stati eliminati dai menu tutte le proposte a base di carne

Il clima di Madeira

Madeira è lambita dalla corrente del Golfo  che le garantisce un clima mite ed invidiabile tutto l’anno, infatti Madeira, con un clima medio invernale di 19°  centigradi ed una media estiva da giugno a tutto ottobre di 24° e  minime a 17°   è  considerata meta ideale per le vacanze in ogni periodo  dell’anno anche grazie al basso livello medio di umidità ed alle tante attività offerte!
La baia di Funchal,  capoluogo di Madeira  protetta dalle montagne  ha il clima perfetto  tutto l’anno, ed è al riparo dai venti che a volte soffiano sull’isola.
Porto Santo è destinazione adatta essenzialmente a vacanze mare

Le ‘Ragazze del porno’: dodici registe raccontano l’erotismo al femminile

Tiziana, Anna, Monica e le altre ragazze del mucchio. Sono solo alcune delle 12 ‘Ragazze del porno‘ http://www.leragazzedelporno.org/  – Mara Chiaretti, Tiziana Lo Porto, Anna Negri, Regina Orioli, Titta Cosetta Raccagni, Lidia Ravviso, Emanuela Rossi, Slavina, Monica Stambrini, Roberta Torre, Erika Z. Galli e Martina Ruggeri – che da luglio 2014 inizieranno a girare dieci cortometraggi pornoerotici per farne poi un film, da proiettare possibilmente in una sala cinematografica italiana. L’idea l’ha avuta la giornalista e scrittrice Tiziana Lo Porto qualche anno fa proprio mentre stava scrivendo un articolo sui ‘Dirty diaries‘, diretti dalla svedese Mia Engberg e colleghe, una serie di cortometraggi porno con il finanziamento, addirittura, del governo di Svezia.

“Pornografia, ma al femminile – spiega Lo Porto a ilfattoquotidiano.it – mentre preparavo l’articolo ho cercato esempi analoghi in altre parti d’Europa e ne ho trovati in Francia (X-Femmes, prodotto da Canal Plus e visti a Cannes), in Spagna, ma non in Italia”. Parliamo di post pornografia femminista, proposta politica ancor prima che estetica:

Le Canarie: uno dei migliori climi del mondo

L'ETERNA PRIMAVERA, CLIMA MITE E TEMPERATURE COSTANTI TUTTO L'ANNO



Il clima delle Isole Canarie è unico, speciale: uno dei miglior climi del mondo.

Nelle Isole Canarie l'estate è gradevole e l'inverno è molto mite. Un'eterna primavera durante tutto l’anno con giorni soleggiati, cieli tersi e temperature costanti, senza grandi cambi.

Il segreto di questo clima unico e confortevole si deve ai freschi venti alisei, alla corrente marina del Golfo che lambisce le coste e alla calda influenza dell'anticiclone delle Azzorre, che agiscono durante l’inverno

Il ruolo dell'ORTOFRUTTA: convegno internazionale a MILANO (EXPO) 3-5 giugno

Dieta sana ed ambiente sano in un’economia feconda: il ruolo dell’ortofrutta






Presidente:
RIBOLI Elio - Direttore – Scuola di Sanità Pubblica - Imperial College London - UK
Comitato Scientifico:
AMIOT-CARLIN Marie-Josèphe - Vice Direttore dell’Unità di Ricerca in Nutrizione - INRA / INSERM - FR
CARAHER Martin - Professore di Politiche alimentari – Università di Londra - UK
CAROLI Margherita - Direttore dell’Unità di Nutrizione e Pediatria ASL Brindisi - IT
DARMON Nicole - Direttore di Ricerca - INRA - FR
FRELUT Marie-Laure - Pediatra – Ospedale Bicêtre Parigi - FR
GOMES Fabio - Analista Senior – Istituto Nazionale per il Cancro del Brasile (INCA) - BR
HALFORD Jason - Professore di Psicologia - Università di Liverpool - UK
JAMES Philip - Vice Presidente IASO - Coordinatore IOTF - UK
NORAT Teresa - Epidemiologo - Imperial College London - UK
NUGENT Rachel - Professore Associato e Direttore di Progetto - Università di Washington - USA
PANICO Salvatore - Professore – Università Federico II Napoli - IT
RIBOLI Elio – Direttore – Scuola di Sanità Pubblica - Imperial College London - UK
RICCARDI Gabriele - Professore di Endocrinologia e Malattie Metaboliche - Università Federico II Napoli - IT
Coordinatore Scientifico:
BARNAT Saida - Direttore Scientifico - Aprifel - FR

3-5 giugno 2015
FIERA MILANO - Centro Congressi Stella Polare

Il gusto di Virdis a Milano con piatti VEGAN

Quali caratteristiche ricorrenti troviamo nel ristorante del calciatore italiano tentato dall’investimento nella ristorazione? Al locale, il calciatore è solito offrire nome, faccia, una maglietta, sciarpe, scatti di gol, foto autografate. E dosi massicce di assenza e insipienza. Pietro Paolo Virdis ha ribaltato le consuetudini: l’unica concessione al marchio Virdis è il nome dell’esercizio commerciale, in via Piero della Francesca. Virdis, sì: ex capocannoniere in serie A, lesto e tecnico, attaccante (tra le altre) di due grandi, Juve e Milan. Una decina di anni fa PPV aveva deciso di fare, della sua passione per il vino, un mestiere. Dal 2009, la licenza alimentare e nella sua enoteca si beve e si  mangia: pranzo, aperitivo, cena. Una decina di coperti, intorno al bancone e qualche tavolino, stop. Di più, Virdis e consorte cuciniera non potrebbero e non vogliono gestire. Il resto, è commercio al dettaglio di prodotti tipici: trovi ghiottonerie sarde e conserve piemontesi, come quelle di Davide Palluda.

A pranzo, il menu a prezzo fisso; un piatto a scelta, acqua e caffè a dieci euro

Ogni uomo sul pianeta Terra è un drogato..

Siamo tutti drogati e nessuno lo dice

LEGGI DELLA VITA
Esistono alcune leggi immutabili in Natura che scandiscono la nostra esistenza. 
Nel nostro caso due sono le Leggi che interessano. 

La “Legge della Forza”, afferma che tutta “la Forza usata, e quindi consumata, in ogni azione vitale o medica, è la Forza Vitale, e cioè, quella che proviene dall’interno dell’organismo e non dall’esterno”. 
La “Legge del Doppio Effetto”, afferma invece che “l’effetto secondario sull’organismo vivente di qualsiasi atto, abitudine, indulgenza o agente, è l’esatto contrario del primo effetto”. 
Cosa significano queste fondamentali Leggi? 
Da una parte si stabilisce che è la Forza Vitale organica ad agire e produrre l’Azione, dall’altra che l’effetto secondario di ogni sostanza è contrario al primo. 
Quindi quando assumiamo sostanze tossiche-velenose come caffè, thè, cioccolata, zucchero o altre droghe come fumo o farmaci, l’effetto immediato è l’eccitazione del sistema. 
Questa eccitazione però non è dovuta alla droga in sé (caffeina, nicotina, teofillina, teobromina, ecc.), ma all’Energia o Forza Vitale che viene sequestrata dal corpo per espellere la tossina velenosa.
Dopodiché si manifesta l’effetto secondario che è esattamente contrario: tutto il sistema prima eccitato, energico, si svuota e scarica. 
A lungo andare, questo assurdo modus vivendi antinaturale, debilita fisicamente e psichicamente l’uomo di energia vitale.
Siamo drogati e non lo sappiamo 

E’ risaputo che le droghe pervadono tutta la nostra società e il loro abuso è dilagante. 
Le autorità dovrebbero vigilare sulla salute pubblica e invece non solo si girano dall’altra parte incuranti del problema, ma ci speculano sopra guadagnando cifre da capogiro. 
Ma di cosa stiamo parlando? 
Questo non è il classico articolo sulle droghe tradizionali: cocaina, eroina, hashish, marijuana, ecc., ma sulle droghe che inconsapevolmente assumiamo ogni giorno, tutti quanti, che ci piaccia o non ci piaccia! 
Se pensate che il fenomeno non vi tocchi, leggete con molta attenzione!
Le droghe affascinano perché alterano la nostra percezione, la capacità di vedere e sperimentare il mondo. Vi sono vari modi per ottenere più o meno lo stesso effetto: cantare, ballare, ridere, meditare, leggere, fantasticare, ecc. 
Ma la droga è certamente molto più rapida, veloce e…proibita.
Dall’alba dei tempi l’uomo cerca e sperimenta sostanze psicotrope con le motivazioni più variegate, eccone qualcuna